Il caso polizze, Raggi :"mi sento in M5S, niente dimissioni"

Share

Così la sindaca di Roma Virginia Raggi alla registrazione di 'Bersaglio Mobile' questa sera in onda su La7 in merito alla polizza in suo favore di Salvatore Romeo, descritta come un sistema di finanziamento basato sulle scatole cinesi dal Cinquestelle Vittorio Bertola.

Anche perchè la Raggi non è l'unica beneficiaria di questi cambi di benficiario di polizze vita.

Genoa, Palladino: "Ringrazio il Crotone, sono tornato a casa"
E chissà che per il 32enne Palladino non si aprano in futuro anche le porte della panchina quale assistente di Juric . E anche davanti le scelte sono tante: "Magari abbiamo perso un po' di fisicità, ma c'è tanta qualità".

Romeo, che fu fotografato con il sindaco 5 Stelle sul tetto del Campidoglio, si è dimesso a dicembre dopo l'arresto di Raffaele Marra per corruzione. Da sottolineare che prima di divenire capo della segreteria politica della Raggi, Romeo guadagnava 39mila euro lordi all'anno. Anche perché Romeo non ha investito denari solo nella polizza vita di cui è beneficiaria la sindaca: dal 2013 in poi, da quando si è reinventato un'attivista del Movimento Cinque Stelle diventando riferimento imprescindibile della Raggi e dell'assessore (ed ex vicesindaco) Daniele Frongia, Romeo ha investito circa 100 mila euro su una decine di polizze vita. Anzi, la Raggi, rispondendo ai giornalisti, ha persino riferito una battuta che Grillo le avrebbe fatto: "Ha fatto polizze per tutti". "Ogni giorno emergono aspetti oltremodo inquietanti su Virginia Raggi, sulla sua Giunta e sulle nomine effettuate - dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà intervenendo in Aula a palazzo Madama - Ora spunterebbe una polizza vita da 30 mila euro di Romeo intestata alla sindaca, la stessa che poco dopo gli ha triplicato lo stipendio". Spiegazione però che causerebbe comunque altri guai a Virginia Raggi, poiché la promozione di Romeo sarebbe da vedere sotto tutta un'altra luce. Pochi giorni fa era inoltre trapelata l'esistenza di un presunto dossier ai danni di De Vito, attuale presidente dell'Assemblea capitolina, su cui la Procura di Roma avrebbe aperto un fascicolo. In caso di morte del funzionario del comune di Roma il soggetto che può incassare la somma accumulata è Virginia Raggi.

Share