Raggi attaccata pure dalla Muraro: a Roma è guerra tra bande

Share

"E' una guerra tra bande, non lavorano per Roma". Azione poi rimandata, non si sa fino a quando. Parla così oggi l'ex assessore all'Ambiente del Comune di Roma Paola Muraro, dimessasi la notte tra il 12 e il 13 dicembre dopo aver ricevuto un avviso di garanzia. I pm hanno molto probabilmente messo alle strette Salvatore Romeo, indagato per abuso d'ufficio in concorso con Virginia Raggi riguardo la sua nomina di capo di segreteria del sindaco di Roma. A denunciarlo è Paola Muraro, il primo assessore grillino a cadere nella giostra di dimissioni che ha segnato il Campidoglio a Cinque Stelle. È lui a lanciare i primi strali su Paolo Berdini, l'assessore all'urbanistica che in un audio registrato da un cronista della Stampa definisce la sindaca Raggi impreparata, non adeguata strutturalmente al ruolo che ricopre.

"I magistrati hanno voluto analizzare ogni aspetto e ogni sfaccettatura della vicenda e non mi sembra che mi abbiano fatto nuove contestazioni - ha aggiunto -". Nella chat, sindaca si lamentava del comportamento contraddittorio di Lombardi e si chiedeva se "la gente faccia pace col cervello prima di parlare". Sulla coop che ha intascato i contributi pubblici lucrando poi sulle case a prezzo di mercato c'è un inchiesta in corso, alla donna è stata riconosciuta la "morosità incolpevole", eppure ieri, come accade a cadenza bimestrale, era attesa la visita dell'ufficiale giudiziario per lo sgombero. Alla fine è stato un errore.

Juventus-Inter, polemica senza fine: l'ultima bordata arriva da John Elkann
E' stata una bella partita in cui la Juventus ha meritato di vincere giocando meglio, ma dove è stato bellissimo anche vedere l'Inter giocare bene.

"Sono stata coerente con il programma del Movimento" incalza la Muraro, "Più grillina di me penso che non ci sia nessuno, da questo punto di vista".

E rinvedica: "Ho dato le dimissioni perché la mia vita non la lascio fare a brandelli da un gruppo di consiglieri e di politici". Parole pesanti che derivano da un'amarezza che anche lei ammette nei confronti di Virginia Raggi, per la quale non spenderebbe più il suo voto (come forse non lo farebbero molti altri romani, che dagli ultimi sondaggi sembrano averci ripensato sulla Raggi).

Share