Salvatore Romeo: "Pentito di aver fatto conoscere Marra alla Raggi"

Share

Lui e' stato il mio capo dipartimento, aveva dei titoli, veniva dalla Guardia di Finanza. Romeo, durante l'intervista, ha raccontato di aver presentato lui Marra ad alcuni esponenti del Movimento Cinque Stelle, proprio in virtu' del periodo collaborativo che avevano trascorso insieme. "Grillo ci rammenta così l'unica cosa vera di cui si è occupato il Movimento 5 Stelle". Il fedelissimo di Virginia Raggi, finito al centro delle cronache in questi giorni dopo che nel corso dell'interrogatorio del sindaco di Roma sarebbe emersa la polizza stipulata in favore del primo cittadino capitolino prima che venisse eletta in Campidoglio, entra dunque nell'inchiesta sulle nomine che ha messo nei guai la Raggi.

Prime ammissioni di Salvatore Romeo, ex capo della segreteria di Virginia Raggi, in merito alle vicende giudiziarie dell'amico Raffaele Marra, sul quale confessa: "Di lui mi fidavo, pentito di averlo presentato al Movimento".

. "Era un progetto comune di una squadra, capitana da Virginia Raggi", ha spiegato. "C'è stata una partenza sbagliata".

Clinton: 'The future is female'
After Donald Trump's inauguration, Clinton also came out in support of the Women's March on Washington and around the world.

"Abbiamo capito perché Beppe Grillo ci indica i successi della giunta Raggi nel numero 43. La storia della polizza e' stata gonfiata ad arte dai giornali per screditarmi attraverso un'operazione vergognosa". Raggi ha poi rivendicato: "Io non ho mai preso un soldo e, se ne fossi stata informata, avrei chiesto a Romeo di rimuovere immediatamente il mio nome dalla polizza, come ho fatto pubblicamente appena l'ho saputo".

Romeo dovrebbe essere ascoltato dai magistrati domani ma intanto si è già dimesso dall'incarico di capo segreteria della Raggi. Una polizza da 30.000 euro che assomiglia molto più ad un libretto di risparmio che ad una normale polizza vita, e che prevede, in caso di morte del contraente, un beneficiario sostitutivo.

Share