Empoli, la conferenza stampa di Giovanni Martusciello

Share

Ilicic e Bernardeschi a supporto del terminale offensivo Kalinic. L'Empoli ora concede molto e i viola sfiorano il raddoppio prima con un destro potente di collo in diagonale di Chiesa, con la palla che sfila di pochissimo a lato del secondo palo e poi con Ilicic che scheggia l'incrocio dei pali su punizione.

Per essere pignoli ha suscitato qualche dissapore anche il bacio dello stemma della maglia empolese di Pasqual dopo la realizzazione del rigore decisivo, ma cosa deve fare un ragazzo tesserato con un club dopo un goal decisivo? Martusciello risponde con il consueto 4-3-1-2 con El Kaddouri a supportare Marilungo e Thiam. All'intervallo, mentre la curva chiede maggiore impegno, l'Empoli è avanti.

Napoli-Juve, Sarri: "C'è rammarico, ma ci stiamo avvicinando"
Un pizzico di rammarico ci resta, perché i venti secondi della partita di Torino pesano e non poco sulla qualificazione. A volte facciamo errori individuali banali, ma nel complesso siamo cresciuti parecchio.

E' una giornata amarissima quella che si sta vivendo in casa Fiorentina. Prende coraggio la Fiorentina che realizza anche la rete del sorpasso con Kalinic subito dopo, ma Mazzoleni annulla per fuorigioco. Dal dischetto si presenta il grande ex Pasqual che batte Tatarusanu e regala una vittoria al veleno ai suoi.

L'Empoli riparte, in tempo per la salvezza. Perplessi, perché nessuno avrebbe potuto immaginare che l'odierno derby toscano si sarebbe concluso con un tale fendente dritto al cuore, e sorpresi, in quanto l'atteggiamento sprezzante, la sfrontatezza e la personalità dell'ex capitano viola raramente si erano manifestate con tanto vigore quando si trovava ancora dalle parti di Firenze. Ai viola resta solo la rabbia per l'arbitraggio e l'ennesima occasione persa per accorciare, in classifica, sulla zona europea.

Share