Moviola Champions League / Kassai, disastro al Bernabeu: CR7 ringrazia (Real Madrid-Bayern Monaco)

Share

"Peccato.". E' un Carlo Ancelotti amareggiato quello che commenta l'eliminazione del Bayern dalla Champions ad opera del Real Madrid. La squadra di Simeone si conferma ormai una habitué delle semifinali e l'obiettivo è ora tornare in finale per ricattare il ko dello scorso anno a San Siro proprio contro il Real.

La qualificazione della Juventus alla semifinale di Champions League (grazie al 3-0 dello Juventus Stadium ed allo 0-0 del Camp Nou contro il Barcellona) oltre a portare la firma di Paulo Dybala, autore nella gara di andata della doppietta decisiva, non può che essere caratterizzata dall'esaltazione della retroguardia bianconera guidata da Gigi Buffon e corredata dalla presenza del duo formato da Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini.

Nella fila del Real unico cambio rispetto all'andata Isco per Bale, alle prese con una lesione al polpaccio, tra gli ospiti recuperi di Hummels e Lewandovski, Müller torna in panchina.

Su rigore, il vantaggio del Bayern, con Lewandowski, al 53′ per fallo di Casemiro su Robben. Il destro del bomber polacco è centrale ma si infila sotto la traversa.

Ibrahimovic, il ginocchio fa crac: fine carriera?
Le parole dell'allenatore portoghese non prevedono nulla di buono per l'ex campione di Milan , Psg e Barcellona . La scena è avvenuta in un Old Trafford che si è ammutolito al momento dell'infortunio di Ibrahimovic .

Il cileno, poi, ha pubblicato via social la foto del contestato gol del 2-2 di Ronaldo, con un pupazzo disegnato a tenere in gioco il portoghese. E abbiamo subito un'espulsione ingiusta e due gol irregolari. Peccato, perché è stata rovinata una partita che, almeno fino all'espulsione di Vidal, era stata davvero emozionante. Ma la serataccia di Kassai non è finita qui, perché al minuto 109 Ronaldo segna ancora, di nuovo in fuorigioco: la rete del 3-2 viene assegnata dall'arbitro senza battere ciglio.

Si chiude nei quarti di finale la favola del Leicester City in Champions League.

All'origine di quella che è stata presentata come una vera e propria rissa, c'è stata la direzione arbitrale quantomeno discutibile del fischietto ungherese.

Share