"Porte aperte" alla salute della donna all'ospedale di Asti dal 18 aprile

Share

La giornata, indetta dal ministero della Salute è la giusta occasione affinchè ogni donna trovi la possibilità di avere assistenza ed ottenga una visita gratuita.

Sono previsti anche gli interventi di tante donne del mondo dello spettacolo, dello sport e YouTubers che hanno aderito come madrine dell'evento: da Laura Morante a Loretta Goggi, da Emma Marrone a Milly Carlucci, da Serena Rossi a Claudia Gerini, da Alessandra Martines a Dolcenera, da Noemi a Barbara De Rossi, da Maria De Filippi a Bebe Vio, da Margherita Buy a Rocio Munoz Morales, Cristiana Capotondi, Barbara Palombelli, Maria Pollacci, Elena Santarelli, Eleonora Daniele, Lucilla Agosti, Michela Andreozzi, Claudia Potenza, Ludovica Bizzaglia, Isabella Eleodori e Serena "matchalatte". Una maratona giornaliera dedicata alla salute al femminile che si aprirà con la presentazione, da parte del Ministro Beatrice Lorenzin, del calendario della salute della donna, un vero e proprio vademecum tascabile con i consigli più importanti di prevenzione. Visite gratuite con i dottori Roberto Ferrara, Paola De Domenico, Vincenzo Lembo.

E ancora: dietologia, correlazione tra alimentazione e tumori con particolare riferimento alle patologie femminili; psichiatria al femminile; neurologia e cefalee; riabilitazione, esercizio fisico con particolare attenzione a donne e bambini; donazione organi; ginecologia: "Ci soffermeremo sulla Breast Unit - spiega Maggiorino Barbero - il centro di senologia cui fa capo un percorso multidisciplinare per prevenzione e cura del tumore alla mammella".

Targa Florio: morti pilota e commissario gara, annullato Rally
La Gara è annullata e tutto quello che rappresenta si ferma per essere dedicato a chi non avrebbe comunque potuto concluderla. La strada al momento dell'incidente presentava del nevischio dopo l'improvvisa precipitazione delle ultime ore.

Siamo vicini a loro anche con progetti mirati di medicina sociale e di prossimità, la ricerca dell'Osservatorio Epidemiologico Nazionale sull'Immigrazione e l'impatto della Povertà sulla salute della popolazione e uno Sportello socio-sanitario di sostegno per problematiche complesse anche di natura burocratica e legale. In occasione della Giornata nazionale della salute della donna è opportuno ribadire il concetto che nella maggioranza dei casi sono le mamme, le mogli, le figlie, le badanti a prendersi cura della salute e del benessere di tutta la famiglia, oltre che di se stesse. Con l'iniziativa '(H) Open Week' le donne verranno sensibilizzate alla cura della propria salute.

Fino al 24 aprile, infatti, saranno offerti gratuitamente alle donne visite, consulti, esami strumentali, saranno organizzati eventi informativi e molte altre attività per celebrare nel modo giusto la seconda giornata nazionale della salute della donna del 22 aprile.

"La nostra salute è la salute delle famiglie e della società e la II Giornata nazionale della salute della donna è un buon momento per ricordarcelo e ricordarlo".

Share