Tribunale Ivrea, uso scorretto del cellulare causa tumori

Share

"Per la prima volta al mondo una sentenza di primo grado ha riconosciuto un nesso causale tra l'uso prolungato del cellulare e il tumore al cervello". Insomma, chi per lavoro è costretto a utilizzare spesso il telefonino e non usa gli auricolari per propria incuria può ugualmente ottenere, a seguito della diagnosi di un tumore al cervello, il risarcimento per la malattia professionale.

Il cancro ha colpito un dipendente di una grande azienda che, per quindici anni, ha utilizzato dalle tre alle quattro ore al giorno il cellulare. "Il fatto che i tribunali italiani riconoscano la causa oncogena insita nei campi elettromagnetici generati dai cellulari - sottolinea l'avvocato Bertone - è il segno del continuo avanzamento delle conoscenze scientifiche".

La sentenza è stata emessa lo scorso 30 marzo da Luca Fadda, giudice del Lavoro del Tribunale di Ivrea. Dopo aver accusato disturbi progressivi all'uomo è stato diagnosticato un tumore e gli è stato asportato il nervo acustico con la perdita totale dell'udito dell'orecchio destro. "Sono soprattutto i bambini e le donne in gravidanza a essere più vulnerabili" spiega ancora l'avvocato Bertone.

Referendum autonomia Lombardia, M5s: persi due anni e miliardi
Lo ha affermato, in una nota, Dario Violi, consigliere regionale del M5S Lombardia , secondo cui "Maroni fin qui ha evitato il referendum , addossando al Governo il rallentamento della chiamata alle urne dei lombardi".

Lo studio legale in questione - riporta Repubblica - esperto in questo tipo di risarcimenti del danno aveva già intentato una causa (giacente al Tar) per imporre al ministero una campagna di informazione sui rischi legati all'uso eccessivo del cellulare.

LA REAZIONE. "Ero obbligato a parlare al cellulare e per 15 anni ho fatto innumerevoli telefonate anche di venti e trenta minuti a casa".

Protagonista suo malgrado di questa vicenda, Roberto Romeo 'vincitore' della causa, ha commentato così la sentenza: "Non voglio demonizzare l'uso del telefonino, ma credo sia necessario farne un uso consapevole ..." Poi, nel 2010, ho cominciato ad avvertire una persistente sensazione di orecchie tappate - racconta Roberto Romeo, 57 anni - Per fortuna si tratta di un tumore benigno, ma comunque invalidante.

Share