Attentato Manchester: fans Ariana Grande crociati? Dubbi su rivendicazione ISIS

Share

E' quanto ha raccontato al Times un suo amico dell'Università di Salford: "Era andato in Libia tre settimane fa ed era tornato da poco, giorni fa".Salman Abedi è nato a Manchester nel 1994 da genitori libici, fuggiti dal Paese del Nord Africa dopo essere diventato oppositori di Muammar Gheddafi.

E' la terza volta che nel Regno Unito raggiunge il livello massimo dell'allarme antiterrorismo da quando il sistema è stato introdotto: la prima fu nel 2006, dopo che era stato sventato un complotto per far esplodere in volo aerei passeggeri in rotte transatlantiche con esplosivi liquidi; la seconda nel 2007, quando un uomo cercò prima di compiere un attentato in una discoteca, per poi schiantarsi con la sua auto piena di bombole di gas propano contro una porta del terminal l'aeroporto di Glasgow, in Scozia. I terroristi hanno diffuso infatti un comunicato in cui si parla di un ordigno piazzato da un soldato del califfato causando 30 morti e 70 feriti. E proprio in questo senso vanno gli arresti di tre persone nella zona fra Chorlton e Ashton, ma ancora non ci sono dettagli sulle persone fermate e quale ruolo possano avere avuto un ruolo nella vicenda.

Anche Angelika e Marcin Klix, dalla Polonia, sono tra le vittime dell'attentato alla Manchester Arena: la conferma arriva dal ministro degli Esteri polacco Witold Waszczykowski. Il giovane, nato a Manchester, secondo di quattro figli, abitava a Elsmore Road, nel quartiere di Fallowfield, che dista una manciata di chilometri dal centro.

Ternana, Di Livio positivo all'antidoping: sospeso in via cautelare
Il controllo Il test è stato effettuato durante un controllo Nado Italia, il 6 maggio scorso dopo la sfida Vicenza-Ternana .

I vicini di casa definiscono Salman Abed come un tipo strano, solitario, quasi assente, ma segnalano che negli ultimi tempi frequentava diverse persone e rientrava tardi di sera. La coppia era andata a prendere la figlia, Alex Klix, alla fine del concerto di Ariana Grande: era stata la giovane studentessa a lanciare un appello per avere notizie dei genitori. Anche lei è nata a Manchester, e ha due profili Facebook: in uno status è stato rintracciato che afferma di essere di Tripoli e di aver rapporti con la Libia.

Secondo AskaNews, addirittura, esisterebbe un terzo profilo (arabo) di Jomana Abedi, dove avrebbe cambiato l'immagine principale con una donna vestita con il Niqab, il velo integrale islamico. Il padre faceva l'addetto alla sicurezza a Londra. Lo ha detto il ministro dell'Interno Amber Rudd dopo la riunione del comitato di crisi Cobra. Data la vicinanza del palazzetto con la stazione dei treni Victoria, anche il traffico ferroviario da e verso Manchester è stato bloccato.

Nel frattempo si è mobilitata l'intera città per supportare chi da ieri sera ha bisogno di aiuto.

Share