France en marche Macron presidente: la lezione per Renzi e Berlusconi

Share

L'invito a Berlusconi non è quindi sulla sola legge elettorale, ma è programmatico, ambizioso, di sistema, di governo: "La stagione del bipolarismo, quella in cui centrodestra e centrosinistra dovevano aggregare anche le forze estreme per battere l'avversario con un voto in più, è finita", dice il ministro dei Beni Culturali, "cambiare schema è un gesto di responsabilità".

Intanto il segretario della Lega ha replicato al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha parlato di immigrazione come una risorsa per il nostro Paese.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

9 su 10 da parte di 34 recensori Forza Italia pro Macron. Ora tocca a Berlusconi attribuirsi una funzione storica che da tempo gli chiede il Ppe, di cui fa parte. "L'Italia non può essere l'unico Paese in cui una forza moderata di centrodestra sta insieme a populisti ed estremisti".

Roma, camper in fiamme: morta 20 enne e 2 bambine
Ancora da accertare le cause del rogo; forse, un cortocircuito di un apparecchio elettrico. Francesca Halinovic del 2009, Angelica Halinovic del 2012 ed Elisabeth Halinovic del 1997.

Che Macron abbia risvegliato l'entusiasmo di Matteo Renzi è cosa nota.

"Il Paese - sottolinea Franceschini - sta dentro a una bufera". Bisogna vedere ora cosa vorrà fare Silvio Berlusconi, che deve adesso prendere una decisione che può essere decisiva per il futuro del suo partito. Per far approvare la legge elettorale, sia in commissione sia in Parlamento c'è bisogno di una forte maggioranza anche trasversale. Come lo sono la Cdu e l'Spd in Germania. "Io non guido la Lega dei camerieri, valutiamo l'alleanza con Berlusconi da uomini liberi, non da camerieri", ha concluso. L'Italia dei prossimi venti anni passa dalle scelte dei prossimi dodici mesi: "se non si arriva a questa distinzione tra forze responsabili e forze populiste, ci rimetterà il Paese". Di sicuro però negli ultimi tempi le posizioni tra i due partiti si sono fatte più distanti.

Siccome Berlusconi è al bivio, siamo tutti al bivio. Questo lo dico a quel fenomeno di Mattarella che è andato a dire agli italiani in Argentina 'eh gli immigrati sono una risorsa'. A quel punto, toccherà a Silvio Berlusconi tirare le conclusioni traendo la lezione da Macron.

Share