Incendio a Pomezia, si teme rischio ambientale

Share

I vigili del Fuoco di Roma e Pomezia sono intervenuti dalle 8.30 con almeno dieci squadre con l'ausilio di un mezzo simile a quello usato negli aeroporti con liquido schiumogeno, oltre a elicotteri ed escavatrici.

Altri divieti decisi dal sindaco riguardano i residenti entro due chilometri dalla Eco X, che devono mantenere chiuse le abitazioni, i negozi e le attività industriali e di servizi al fine di prevenire il possibile passaggio di inquinanti: obbligatorio spegnere anche gli impianti di aerazione forzata.

La coltre nera che si è levata in cielo dalla combustione di rifiuti di plastica è ben visibile da questa mattina in tutti i Castelli Romani verso cui il vento ha spostato la nube. La nube tossica si disperderà quindi nelle zone adiacenti e a nord-est rispetto a Pomezia. Da ore i vigili del fuoco sono al lavoro per spegnere le fiamme. Preoccupazione anche per i pascoli e le coltivazioni.: gli animali dovranno essere tenuti al chiuso sino a nuovo ordine mentre, per la raccolta delle coltivazioni, bisognerà procedere solo dopo intenso lavaggio con acqua potabile. "Invitiamo a tenere cautelativamente chiuse le finestre di abitazioni, scuole, uffici, strutture sanitarie e socio-assistenziali e lavare nei prossimi giorni, con molta accuratezza, frutta e verdura di propria produzione". Gli operai affermano che il fuoco sarebbe partito dalla parte posteriore dell'edificio, attaccando balle di materiale plastico compresso.

MotoGP Jerez: la pole è di Pedrosa! Marquez 2°, Rossi solo settimo
Il pilota della Honda completa un weekend reso già perfetto dal miglior tempo ottenuto nelle prime tre sessioni di prove libere . Per quanto riguarda Sky, il punto di riferimento è sempre Guido Meda, al microfono della MotoGP affiancato da Mauro Sanchini.

L'assessore regionale, Mauro Buschini rassicura: "La situazione relativa all'incendio del deposito di plastica, carta e altri riciclati al km 33 di via Pontina è sotto controllo". Intanto arrivano i primi dati dall'Arpa sulla qualità dell'aria: "Dall'analisi dei dati non emergono superamenti dei limiti imposti per la qualità dell'aria dalla normativa vigente". Le operazioni di spegnimento dell'incendio e di rilevazione della qualità dell'aria vanno avanti.

La procura di Velletri ha aperto un'inchiesta. A quanto riferisce il sindaco della città Fabio Fucci, che è in costante contatto con i vigili del fuoco e con la polizia locale, l'incendio si sarebbe dapprima sviluppato dal materiale che era accatastato nel piazzale dell'azienda; le fiamme poi si sarebbero propagate anche ai materiali conservati all'interno dei capannoni.

Share