Inter-Napoli: ancora qualche dubbio di formazione per Sarri

Share

Una grande opportunità dunque per raggiungere un sesto posto che garantirebbe la possibilità di giocare i preliminari di Europa League, se non fosse che questa possibilità sia giunta proprio nel giorno in cui la squadra di Pioli dovrà ospitare a San Siro un Napoli galvanizzato dalla sconfitta della Roma nel derby capitolino.

Altra sfida importantissima per l'Inter che, contro il Napoli, chiuderà due settimane infernali, dal punto di vista degli scontri. Il tecnico non si fida della crisi dei nerazzurri: "Mi aspetto una reazione forte dall'Inter che può tornare ai livelli delle undici partite precedenti, prima delle ultime cinque". Andiamo a vedere quelle che sono le formazioni ufficiali scelte da Pioli e Sarri per la gara di San Siro con fischio d'inizio alle ore 20:45. Ci hanno definito una squadra incompiuta, ma nel girone di ritorno abbiamo fatto gli stessi punti della Juventus: direi che tanto incompiuti non siamo. "La prova della squadra complessivamente è stata di buon livello". "Sul prossimo mercato se non sarò soddisfatto lo dirò il 31 agosto, c'è un progetto da continuare e lo mandano avanti tutti i calciatori". Futuro? Mi sono scocciato di rispondere a queste domande, se sapete qualcosa ditemelo. Dobbiamo trovare la continuità che ci è mancata, cominciando bene le gare e restando in partita fino alla fine. Ma in passato è stato anche un vero giro di boa, questa sera bisognerà perciò lavorare affinché lo torni ad essere, senza scuse. Abbiamo perso punti contro squadre sulla carta inferiori, ma che hanno fatto meglio, penso alla gara contro l'Atalanta.

Spalletti: "Totti? Può darci una mano anche con la Juventus"
Penso che se ci fosse stata qualche squadra che avrebbe insidiato di più la Juventus, loro avrebbero spinto ancora di più. Bisogna avere la certezza che ce la facciano a giocare tutta la partita e anche le prossime, che rientrano nel pacchetto.

IL GAP E LO SCUDETTO -"Cosa si può fare per colmare il gap?" Noi abbiamo buttato al vento qualche punto in maniera stupida, però fare meno errori rientra nelle qualità.

Sarri, reduce dal mezzo passo falso col Sassuolo, dovrebbe schierare il solito 4-3-3, con Strinic favorito su Ghoulam nel ruolo di terzino sinistro, ballottaggi a centrocampo: Diawara e Allan favoriti su Jorginho e Zielinski. D'altronde, la squadra napoletana è carica a mille anche per un altro motivo: l'ultimo successo azzurro al Meazza contro l'Inter risale a ottobre del 2011.

Share