La Juventus resuscita, batte la Lazio 2-0 e vince la Coppa Italia

Share

La squadra di Allegri riscopre l'agonismo, gioca un primo tempo quasi perfetto, e annichilisce la squadra di Inzaghicon due reti nei primi venticinque minuti.

Va alla Juventus la Tim Cup 2016/2017. Il primo trofeo della stagione è Bianconero, il sogno Triplete è più vivo che mai... Così nella ripresa, forti anche dell'ingresso di un ispirato Felipe Anderson, i capitolini spingono al massimo in cerca del gol che riaprirebbe la contesa: sulla loro strada, però, trovano un Neto in serata da miracoli, che chiude la porta in faccia agli assalti biancocelesti con due grandi parate, cancella alcune incertezze dei mesi passati e mette in cassaforte il successo finale.

Per la Juve è la terza Coppa Italia di fila. Il Triplete inizia da qui. Facile dire che la Coppa Italia fosse il meno importante, un po' meno vincerla senza se e senza ma sul campo della Lazio, decisa a dare il tutto per tutto per portarsela a casa. Ai microfoni della RAI è intervenuto anche il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi: "Sicuramente abbiamo affrontato una grandissima squadra, tuttavia ritengo che oggi abbiamo fatto la nostra partita e non siamo stati fortunati negli episodi che ci hanno invece condannato, il palo colpito di Keita avrebbe potuto cambiare il match". Basta un tocco, ed è gol. Sul recupero palla Higuain fa partire il contropiede di Dybala, l'argentino allarga per Mandzukic che si fa largo nella metà campo biancoceleste e restituisce il pallone alla Joya che dal limite impegna ancora il portiere albanese, sulla ribattuta arriva Dani Alves che rimette in mazzo per Higuain, il quale trova ancora la risposta dell'estremo difensore avversario. Al 21' tegola per Inzaghi che deve sostituire Parolo per infortunio, al suo posto butta nella mischia Radu.

Morta Laura Biagiotti, regina della moda
Più di 50 anni di carriera alla conquista dei mercati globali, tra le poche stiliste donne a guidare il Made in Italy . Biagiotti, si legge nel bollettino dell'ospedale, e' ricoverata in Terapia Intensiva in condizioni gravissime.

Neanche il tempo di riorganizzarsi e i campioni d'Italia raddoppiano: minuto 25, corner tagliato ancora di Alex Sandro e inserimento vincente del solito Bonucci, che segna e corre ad esultare sotto la curva. A centrocampo Lulic e Basta sulle fasce con Milinkovic, Biglia e Parolo che dovrebbe farcela nel mezzo mentre in attacco Immobile insieme a uno tra Keita e Felipe Anderson. A rompere il ghiaccio ci pensa Chiellini che al 3' prova il rasoterra da fuori, palla centrale che Strakosha può facilmente bloccare. "Sapevamo che contro la Juventus sarebbe stata difficile, ma c'è amarezza". Neto, portiere di Coppa, titolare anche stasera.

E da due distrazioni catastrofiche sono arrivai i gol al 12′ di Dani Alves, lasciato tutto solo a destra, e al 25′ di Bonucci a cui nessuno ha pensato di ostacolare lo scatto in mezzo all'area.

Share