Maxi incendio Pomezia, trovato amianto nel tetto

Share

Continuano le operazioni di bonifica nello stabilimento della "Eco X" sulla Pontina. "Al momento non abbiamo elementi che possano far destare preoccupazioni, almeno a livello acuto, nell'immediatezza del momento" ha detto ieri ai microfoni del Tgr Lazio il direttore del dipartimento prevenzione della Asl Roma 6 Mariano Sigismondi. Inoltre "per impianti di condizionamento o areazione forzata, la sostituzione o manutenzione dei filtri e delle condotte, in particolare per chi li ha spenti/disattivati il giorno in cui e' scoppiato l'incendio e ha intenzione di riaccenderli in queste ore".

Intanto i vigili del fuoco sono ancora al lavoro per spegnere il maxi incendio divampato tre giorni fa nell'azienda "Eco X" su via Pontina vicino Roma.

Elezioni in Francia 2017
Mi rivolgo a tutti voi, qualunque sia stata la vostra scelta: non nego le difficoltà economiche, sociali, l'abbattimento morale. Emmanuel Macron ha preso per mano la nuova première Dame e lei ha salutato tutti, mostrandosi commossa ed emozionata.

Non sono ancora state domate le fiamme che si sono sprigionate nella giornata di venerdì presso l'impianto EcoX di Pomezia, dove si raccoglieva plastica e carta destinata allo smaltimento. Pochissimi i focolai ancora accesi e l'attività meticolosa e senza interruzioni del nucleo Gos, ha ridotto la densa colonna di fumo dei giorni precedenti riducendo le fumate bianche. Oltre alle recenti ordinanze del sindaco con le quali rimangono chiuse le scuole fino a domani e il divieto del pascolo e la raccolta degli ortaggi (nel comune di Ardea e di Pomezia), in queste ultime ore altra notizia da spalancare gli occhi. "L'ordinanza ricorda come i prodotti ortofrutticoli derivanti dalla coltivazione nei terreni posti al di fuori dell'area ma in zone immediatamente prospicienti dovranno essere sottoposti prima della consumazione a un accurato lavaggio in acqua corrente e potabile".

L'Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpa) del Lazio sta diffondendo i dati relativi alla qualità dell'aria. Il provvedimento, adottato in via precauzionale, vale per tutte le scuole di ogni ordine grado "al fine di consentire le operazioni di pulizia straordionaria che dovranno interessare le aree eventualmente esposte alla ricaduta da combustione".Divieto di raccolta degli ortaggiLe operazioni di pulizia straordinaria "dovranno essere assicurate a cura dei soggetti responsabili delle strutture". Anche il ministro della Salute Beatrice Lorenzin invita alla calma: "L'Arpa ci ha rassicurato e ci sta tenendo costantemente aggiornati: i dati delle centraline non evidenziano danni o possibilità di danni per la popolazione".

Share