Strage di Manchester, altri tre arresti

Share

Manchester e Londra sono città blindate, con il dispiegamento di forze di polizia aggiuntive. Abitava nella periferia sud, la stessa dove hanno arrestato un sospettato terrorista che poi è risultato essere suo fratello. Ne dà notizia il Mail online. Il fermo è stato compiuto nella zona di Chorlton, non lontano dall'abitazione di Ismail. Ma a Manchester, assieme al peggio, l'umanità ha mostrato anche il suo meglio. Inoltre, i morti non sono stati 30 ma 22, senza contrare che l'esplosione è stata provocata da un kamikaze (da quanto riferiscono le autorità inglesi).

L'Isis dopo la sua rivendicazione ha fatto sapere che Salman Abedi era un "soldato del Califfato" che ha punito i crociati.

Per ora sono poco meno di mille, esattamente 984, i soldati britannici dislocati, inizialmente solo a Londra, dopo l'allerta massima antiterrorismo seguita alla strage di Manchester.

Calciomercato Milan: Keita e Biglia entrano nel mirino
Del resto, le sue qualità non discutono e l'età gioca a suo futuro: il Milan è pronto ad aprire il portafogli. Il primo tentativo del Milan e del duo Fassone - Mirabelli non sarebbe andato a buon fine.

L'unico sospetto dell'attacco a Manchester rivendicato dall'Isis per ora è Salman Abedi, 22 anni, britannico, ma le indagini continuano proprio perché non si esclude che alle sue spalle ci sia un gruppo organizzato pronto a rientrare in azione. Per il capo della polizia locale Ian Hopkins è stato lui l'autore "dell'atrocità" commessa nell'arena.

L'esibizione era appena terminata e il pubblico, composto principalmente da teenager e bambini, si stava dirigendo verso l'uscita, quando l'attentatore ha fatto esplodere un ordigno. L'ex stellina di Nickelodeon è tornata ieri in America ed era visibilmente provata e triste, nelle foto scattate in compagnia del ragazzo Mac Miller. Il ventiduenne Salman Abed, figlio di un rifugiato libico, potrebbe aver quindi viaggiato anche in Siria e preparato l'attacco di lunedì sotto la guida jihadista. Era al concerto del suo idolo per la seconda volta e, come aveva scritto su Twitter, era felicissima di vederla ancora una volta. Riferendolo alla Bfm television, Gerard Collomb non ha fornito ulteriori dettagli, precisando che è ancora incerto se Abedi è parte di un più largo network di attentatori. E' quanto si legge sul sito dell'Independent.

Share