Bimbi maltrattati in un asilo di Modica, due maestre rinviate a giudizio

Share

Le indagini hanno avuto inizio nel giugno 2016 in seguito alle preoccupazioni e successive segnalazioni di alcuni genitori che non riuscivano a comprendere perchè i loro bimbi non volessero piu' andare all'asilo. Ciò ha portato la procura a chiedere comunque il rinvio a giudizio che è stato poi disposto dal giudice per le indagini preliminari. La richiesta di rinvio a giudizio è arrivata dopo che il gip ha rigettato la richiesta di misure cautelari nei confronti delle due donne. "Ti do all'orco cosi' ti mangia e ti toglie dai piedi". Dapprima i genitori avevano segnalato questo malessere al preside ma, nonostante l'impegno del dirigente, non avevano ottenuto alcuna risposta positiva considerato che le due donne continuavano ad esercitare la loro attività in quelle classi. La polizia parla di "atteggiamenti aggressivi ed ingiuriosi": "Alzati, ti do tanti di quegli schiaffoni!".

Le indagini avviate dalla squadra mobile di Ragusa e coordinate dalla Procura iblea sono state particolarmente delicate e sono state portate a termine a novembre del 2016.

Purtroppo le segnalazioni fatte dai genitori sono state tardive rispetto alla conclusione dell'anno scolastico, elemento che ha permesso di intercettare le maestre solo nel mese di giugno dello scorso anno, ovvero al termine della scuola. "Sei un bambino insopportabile!"; è un incubo questo bambino, se la smetti di piangere forse vai, perché sei un disturbo"; "sto chiamando il preside che è sopra e glielo dici al preside...e la mamma e te ne vai a casa tua e non vieni più però e dici io devo trovarmi un'altra scuola"; questa è rimbambita...c'era l'acqua nel bicchiere, ma sei rimbambita"; ce la smetti, ce la smetti! Alcuni genitori hanno nel frattempo cambiato scuola ai figli e il preside è tornato a richianare le due insegnanti.

L'altra maestra rinvata anche lei a giudizio diceva a un bambino: "Se piangi ancora ti lascio solo, non lo fare più, non ti azzardare...": dopo aver intercettato queste (e altre) frasi il Gup di Ragusa ha rinviato a giudizio per maltrattamenti due maestre di un asilo del ragusano.

Napoli, paziente immersa tra le formiche: Denuncia shock all'ospedale San Paolo
Non possiamo accettare che i pazienti siano trattati in questo modo e non accettiamo giustificazioni superficiali. Non esistono attenuanti per coloro che dovevano controllare e non lo hanno fatto.

La richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura della Repubblica è stata formulata per il reato di maltrattamento degli alunni, a loro affidati per ragioni di istruzione ed educazione, fatti commessi attraverso "rimproveri aspri, ingiurie e umiliazioni, alimentando in tal modo un clima di permanente intimidazione, il tutto aggravato dal fatto di aver abusato dei poteri ed in violazione dei doveri inerenti la pubblica funzione".

In un altro caso il bambino aveva sbagliato il nome della maestra: "Quest'altro rimbambito ...mi chiama - omissis - a fine anno non sa neanche come mi chiamo!"

La prima udienza del dibattimento è prevista per marzo 2018.

Share