Donnarumma e Raiola alla scoperta del Social perduto (o hackerato)

Share

Per Raimondi sono in aumento le chance per il rinnovo; probabile l'inserimento di una clausola rescissoria più congrua fra i 40 e i 50 milioni. Il tutto con un possibile attacco hacker contro Donnarumma che di fatto potrebbe aver "inficiato" la veridicità di alcune parole del portiere che avevano fatto "sognare" i tifosi del Milan.

Prima un tweet, con cui ha smentito le voci relative alla rottura con Mino Raiola. Poco dopo, intorno alle ore 23, lo stesso Gigio ha chiuso il proprio profilo Instagram, facendo sapere - tramite un post su Twitter - di essere stato vittima di un hackeraggio.

La giornata vissuta ieri, altra domenica di fuoco dopo quella scorsa caratterizzata dalla conferenza stampa casalinga di Mino Raiola, ha avuto il potere di minare le pochissime residue certezze in mano ai tifosi rossoneri e soprattutto distruggere pressochè definitivamente l'immagine di Donnarumma agli occhi del mondo. Successivamente, Gigio ha provato ad aggiustare il tiro con un nuovo tweet: "Oggi con un mio tweet ho scatenato un vero putiferio che non volevo generare e di questo mi scuso". Ora ho in mente la Nazionale, con la quale spero di fare un regalo a tutti i tifosi.

Juve, pronto rinnovo per Alex Sandro
La sua sostituzione rappresenterebbe senz'altro uno dei problemi maggiori da risolvere durante l'estate. "Non ci sono in Europa calciatori del suo calibro".

In serata Donnarumma aveva scritto un messaggio d'amore ai tifosi del Milan. "La mia promessa e' che, non appena sara' finito l'Europeo, incontrero' la Societa' insieme alla mia famiglia e al mio agente per discutere il mio rinnovo".

A questo punto, evocando l'immagine dell'eterno Lubrano, la domanda sorge spontanea: perchè qualcuno non si alza e dice basta? Come andrà a finire tutta questa vicenda? E se Buffon ormai è accasato con Ilaria D'Amico, Donnarumma ha un piccolo grande amore: lui è alto quasi 2 metri, Alessia Elefante, che di anni ne ha 19, accanto a lui... quasi sparisce.

L'unica cosa certa è che questa ignobile farsa deve trovare la parola fine.

Share