F1: così Vettel rischia di saltare un Gran Premio

Share

PARTENZA THRILLER - Al semaforo verde inizia una vera e propria battaglia. Dietro Bottas, Ricciardo, Raikkonen e un Verstappen (di nuovo ritirato).

Da biasimare anche le dichiarazioni di Hamilton che non può fare la vittima sostenendo che è stato tamponato e che non comprende la reazione di Vettel. Ma quando vedi gare come quella di ieri a Baku, ti viene voglia di rimangiarti tutto.

D'altronde, però, lo stesso Hamilton aveva esplicitamente espresso il desiderio di volere lo scontro in pista con Vettel, ed infatti i due hanno letteralmente preso alla lettera tali parole, urtandosi prima due volte in pista, e successivamente stuzzicandosi anche ai microfoni. La vettura di sicurezza rimane in pista per ben 4 giri e alla bandiera verde Perez attacca un Vettel non perfetto. "Basta che si parli di sport" ha detto Arrivabene.

Questa rivalità tra Vettel e Hamilton infiammerà e non poco questa stagione.

Allerta temporali fino alla mezzanotte di giovedì 29 giugno
Al Nord, infatti, si faranno sempre più influenti le correnti instabili atlantiche, con calo termico e temporali diffusi. Le temperature scenderanno sensibilmente, attestandosi ben al di sotto dei 30 gradi su molte regioni del Nord.

Il tedesco sale così a 153 contro i 139 dell'inglese.

Passate le vacanze, il mese successivo si corse nel tradizionale circuito di Spa-Francorchamps, dove, il contrasto tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton, favorì un bel recupero del nostro, abile a mettersi alle spalle Alonso e l'allora compagno di squadra Vettel, potendo contare su una RB10 competitiva e vincendo, autorevolmente, il terzo GP in carriera. Il ferrarista non la prende bene, acccelera e va a contatto con Hamilton. E nella neutralizzazione di gara, dovuta alla pioggia di detriti in pista e precedente alla bandiera rossa, accade l'incredibile tra i due protagonisti principali del Campionato. Perché al 32° giro doppio clamoroso colpo di scena: Hamilton è costretto a fermarsi perché la protezione per la testa rischiava di volare via.

In seguito però alla ruotata compiuta ai danni di Hamilton, a Vettel è stato giustamente comminato uno stop & go di 10 secondi (a cui vanno aggiunti i 17 secondi di percorrenza della corsia box), con il risultato di rovinare una gara che ripetiamo, poteva essere vinta. La vittoria di Ricciardo, la prima stagionale, passa completamente in secondo piano. Dopo il primo giro Hamilton è in testa davanti a Vettel e Perezo con il pilota finlandese della Ferrari al quarto posto. In aggiunta anche la penalità per il pilota Ferrari.

Occorre preliminarmente fare una premessa di tipo regolamentare: l'articolo che norma la procedura di Safety Car è il 39 con i vari commi. Poi ha proseguito: "i meccanici hanno fatto un lavoro fantastico riuscendo a cambiare lo scivolo e la deriva dell'ala in pochissimo tempo.ma la macchina logicamente non era al cento per cento e sono rientrato al box". A Baku, in occasione del primo GP dell'Azerbaigian, è successo davvero di tutto. "In quel punto ho dovuto rallentare ma lui era distratto e mi è venuto addosso". Le prossime gare ci forniranno sicuramente ulteriori conferme, ma una cosa è certa: la Williams può finalmente contare anche su di lui, oltre che a Massa (costretto al ritiro per via del danneggiamento dell'ammortizzatore posteriore destro).

Share