F1, GP Azerbaijan 2017, Vettel: "Avrei potuto fare meglio"

Share

Il tedesco, che ha sostituito il motore della sua monoposto prima delle qualifiche, ha accusato un distacco di 1 " 248 da Hamilton.

Nelle classiche dichiarazioni post prove, il campione del mondo 2007 ha analizzato in maniera positiva la prestazione della vettura numero 7, pur chiarendo che si dovrà ancora lavorare sulla gestione degli pneumatici e di come questi dovranno essere portati nel range di temperatura ottimale: "Credo che la cosa più difficile di questo tracciato sia riuscire a far raggiungere alle gomme la temperatura di esercizio ottimale per poterle fare lavorare correttamente, ma una volta che ci riesci non ci sono più particolari problemi e tutto è più semplice". Non siamo stati abbastanza veloci, ma domani pensiamo di poter avere ancora una buona opportunità perché la macchina ieri era veloce, vedremo cosa accadrà. Chiude la top ten la Red Bull di Daniel Ricciardo, che ha dovuto rinunciare all'ultimo giro lanciato nelle qualifiche a causa di un problema a 3 minuti dalla fine del turno.

Onda Pride a Milano: la città invasa da bandiere colorate
Anche Parigi nel corso del pomeriggio è stata investita da un corteo organizzato dalla comunità Lgbt, che quest'anno ha deciso di lanciare un appello per l'accesso alla fecondazione medicalmente assistita a tutte le donne "senza condizioni né restrizioni".

Inizia alle ore 12 italiane (le 14 locali) l'ultima ora di prove libere prima di quelle valide per definire lo schieramento per il GP d'Azerbaijan (ottava prova del Mondiale F1 2017) che saranno invece alle ore 15 nazionali. "Siamo in una fase molto impegnativa della stagione, ci aspettano molte gare in un breve lasso di tempo, in estate ci saranno le condizioni migliori per pensarci".

Seconda fila tutta Ferrari con Kimi Raikkonen a precedere in griglia il compagno di squadra e leader del mondiale 2017 Sebastian Vettel. Abbiamo faticato a ogni giro, poi nell'ultimo settore ho trovato un feeling migliore. Un'altra doppietta Mercedes sarebbe un colpo troppo duro da digerire.

Share