Formula 1: a Baku vince Ricciardo. Hamilton-Vettel è guerra

Share

Mercedes rafforza la propria leadership nei costruttori, Vettel allunga su Hamilton, portando a quattordici punti il suo vantaggio. Riferendosi al pilota della Ferrari, dopo aver espresso la stima che nutre nei suoi confronti per l'amore e la grinta che profonde ad ogni gara di Formula 1, il driver della Red Bull ha affondato il colpo, sostenendo che spesso il campione tedesco esagera nel ricorrere a queste doti, arrivando ad essere un po' troppo aggressivo.

Insomma, dopo le dichiarazioni cavalleresche d'inizio stagione, il mondiale di Formula 1 è ormai davvero entrato nel vivo, con Hamilton e Vettel che sembrano aver messo da parte la stima e il rispetto reciproco dimostrati nelle prime fasi di questo 2017, dando il via ad una profonda guerra di nervi che, alla lunga, potrebbe risultare decisiva per la vittoria del titolo mondiale. A quel punto però la sua Ferrari dà una sorta di "ruotata" alla monoposto rivale, prima di ripartire tutti con la Safety che si toglie dalla pista. Perché un Campionato del mondo si gioca anche su queste piccole cose e non solo con il cronometro. Ci si rivede in Austria. Noi parliamo poco ma lavoriamo molto. Se continuerà a parlare, noi lo staremo a sentire. "Perfetto. Ci sono ancora dodici gare".

Anziana morta in casa, accanto figlio in stato confusionale
Il ritrovamento ad opera di questi ultimi, che si erano recati a casa dell'anziana proprio per cercare il figlio scomparso. La posizione dell'uomo, che secondo le prime informazioni soffriva di una forte depressione, è al vaglio dei carabinieri.

Le previsioni sono state disattese, ci si aspettava un Gran Premio noioso, è successo l'esatto opposto.

Anche Daniel Ricciardo si schiera contro Sebastian Vettel dopo i fatti di Baku, in Azerbaijan. Tanti ingressi della safety car, una interruzione e un duello che è durato fino alla bandiera a scacchi. Oltre agli "scontri" anche tre entrate della safety-car. La gara sarà compromessa per entrambi i piloti (penalità stop/go per Vettel, problema al cockpit e pit stop forzato per Hamilton) che continueranno a punzecchiarsi nel dopo gara. Dietro ai primi comincia una lunga serie di contatti che alla fine vedrà il ritiro di ben sette vetture tra incidenti, tamponamenti, forature e safety-car varie. Passano cinque giri e la safety car entra di nuovo in pista a causa di alcuni detriti persi in pista da Raikkonen. Ne nasce una specie di rissa a suon di gestacci e sgommate che porterà ad una penalizzazione solo per Vettel costretto a fermarsi per 10 secondi ai box proprio quando era riuscito a prendere la testa del Gp per una inconveniente capitato a Hamilton. Se poi in gara viene provocato, allora perde la testa. Alla fine il più bravo a dribblare tutte le strane situazioni di corsa è stato Ricciardo (Red Bull), che ha conquistato la quinta vittoria in carriera in F1.

Share