Germania 1-0, azzurrini in semifinale, europeo under 21, li attende la Spagna

Share

Qualificata anche la Germania come migliore seconda.

Quanto alla formazione titolare il ct azzurro Di Biagio deve fare i conti con il dubbio Caldara: il difensore atalantino ha saltato la Rep.Ceca per un affaticamento muscolare, non dovesse farcela sarà riproposto il veronese Alex Ferrari accanto a Rugani, con i terzini Conti e Barreca a completare la linea arretrata assieme al portiere Donnarumma.

Se invece, sempre considerando la vittoria dell'Inghilterra (nel caso in cui gli inglesi non dovessero vincere, il girone A sarebbe aritmeticamente escluso dalla lotta al secondo posto), Slovacchia e Portogallo dovessero vincere o con più di due gol di scarto, o con due reti di divario ma segnando almeno tre gol, non ci sarebbe più nessuna speranza per gli azzurrini, che sarebbero eliminati. Al 6′ la Germania è andata a segno con il gol di Stark sugli sviluppi di un calcio di punizione di Dahoud. A centrocampo dovrebbero rivedersi dal primo Gagliardini e Benassi, che mercoledì sono partita dalla panchina, inamovibile invece Pellegrini. Anche nella sfida con la Germania gli azzurrini non hanno offerto una prestazione indimenticabile, con i tedeschi che hanno fatto di tutto per arrivare secondi nel girone ed evitare così la Nazionale iberica. Di Biagio, confermando il 4-3-3, potrebbe schierare il terzino del Milan Calabria e dirottare sulla fascia destra Bernardeschi, con Chiesa a sinistra e al centro dell'attacco Petagna. Comunque ci stanno, fanno parte del nostro lavoro.

Montecorvino Pugliano, arrestato l'attore Domenico Diele per omicidio stradale
Devo pagare quello che decideranno i giudici e se servisse a qualcosa pagherei di tasca mia anche qualunque cosa alla famiglia. Per il protagonista della fortunata serie 1993, si attende domani l'udienza per la convalida dell'arresto.

Prosegue l'avventura dell'Italia agli Europei Under 21 in Polonia. "Bisogna capire dove bisogna migliorare e dove abbiamo sbagliato". Bravi tutti, ma adesso testa subito alla Spagna.

La mossa vincente è stata quella del "falso nueve", senza Petagna, e con il trio offensivo Chiesa-Bernardeschi-Berardi che non ha dato punti di riferimento agli avversari.

Share