GP dell'Azerbaijan: prima vittoria stagionale per Ricciardo

Share

"Certo il secondo posto sarebbe stato ottimo" - ha aggiunto - "Purtroppo ho perso per un'inezia da Valtteri alla fine, mi ha fregato proprio sul traguardo, è stato uno dei finali più ravvicinati della storia credo".

L'australiano è stato bravo a restare quasi sempre fuori dai guai, combinando colpi da maestro e calma olimpionica sia in regime di safety car che in bagarre. La gara inizia subito con le premesse migliori, con un tentato ingresso a tre alla prima curva. Così, esce temporaneamente dai giochi per via della sosta forzata che prevede cambio gomme e sostituzione dell'appendice danneggiata. Davanti ok Hamilton, poi Vettel e Perez.

Al tredicesimo giro, la Toro Rosso di Kvyat si ferma, costringendo la direzione di gara a mandare in pista la Safety Car per la prima volta in questo GP di Baku. Nel frattempo la coppia che era al comando, ovvero, Hamilton-Vettel ha perfino litigato sulla distanza di sicurezza e si sono toccati. Male l'altra Ferrari di Raikkonen che è stata costretta al ritiro; non ha finito la gara anche Verstappen, che, dopo solo dieci giri, a causa della rottura del motore è dovuto rientrare ai box. La gara riprende con regime di Safety Car, allo scatto Hamilton riesce a mantenere la posizione su Vettel, dietro Ricciardo, con un incredibile staccata in curva 1, riesce a saltare in un colpo solo le due Williams, conquistando la terza posizione. Alla ripresa della gara i giudici decidono di infliggere 10 secondi di penalità a Vettel, a causa del contatto precedente. "Questa è la Ferrari, questa è un squadra che non molla mai e continueremo a non mollare mai, ammesso che si parli di sport". Questo stesso incidente ha costretto i commissari ad esporre la bandiera rossa e ad interrompere la gara per ben 22 minuti. Al 29esimo giro Hamilton è costretto a rientrare ai box per cambiare un pezzo della sua Mercedes, rimasta danneggiata da un detrito, perdendo cosi la posizione ai danni di Vettel. Daniel Ricciardo fatica a rendersi conto di quello che è successo. 10 secondi di stop and go per lui. Al suo rientro in pista sarà dietro Sebastian Vettel, quindi il tedesco è comunque riuscito ad allungare il classifica piloti. "Questo il podio è di Stroll- ammette Ricciardo facendo riferimento al giovane collega al primo podio in carriera a cui offre lo scarponcino di gara pieno di spumante - lui non può rifiutare un drink dal vincitore".

Tornando ai piloti del podio, detto di Ricciardo, colpiscono anche le prestazioni di Bottas, che ha rimontato dopo essere sprofondato nelle retrovie per un contatto al primo giro con Raikkonen, e soprattutto Lance Stroll.

Il cognato di Donnarumma: "Gigio vuole rimanere"
Magari puntando a vendere al termine della prossima stagione? Nell'intervista, Paoletti ha dichiarato che dopo il suo post su Instagram, poi cancellato, avrebbe ricevuto insulti e addirittura telefonate minatorie.

Vettel e Hamilton, autori di un duello rusticano, chiudono rispettivamente al quarto e quinto posto ma la corsa in Asia è destinata a lasciare strascichi per tutto il resto della stagione. E ha finito secondo in volata prima del traguardo.

La Sauber ha colto un punto a Baku grazie al decimo posto del tedesco Pascal Wehrlein.

Dodicesima posizione per Stoffel Vandoorne, seguito da Romain Grosjean. Al rientro della SC ci sono ancora detriti in pista e la Safety rientra. La situazione era insostenibile e il pilota è stato costretto a fermarsi per un pitti stop, lasciando la testa della gara al rivale Vettel.

Share