La Farnesina: Gloria e Marco sono morti

Share

Anche da Buckingham Palace è arrivato un messaggio di cordoglio da parte della Regina Elisabetta: "I miei pensieri e le mie preghiere vanno alle famiglie che hanno perso i loro cari nell'incendio della Grenfell Tower e alle molte persone che sono gravemente ferite in ospedale".

L'incendio alla Grenfell Tower ha acceso nuovamente la diatriba politica tra Theresa May e Jeremy Corbyn, con quest'ultimo pronto a rinverdire la polemica sull'inettitudine della sua avversaria qualora non venissero trovate risposte alle morti degli inquilini del grattacielo.

La rabbia di strada si è consumata lì, nella zona della sciagura, di fronte al municipio del Consiglio locale di Kensington and Chelsea - borgo londinese del lusso, ma non solo - controllato come il governo di Sua Maestà, da un Partito Conservatore sempre meno saldo in sella. Gli inquilini si erano lamentati di questa scelta, ma i proprietari avevano assicurato che sarebbero stati incapsulati in materiale non infiammabile.

Siria: USA "cinici", suoi jet e droni diventano bersaglio della Russia
Il memorandum con la coalizione a guida americana per la prevenzione degli incidenti e sulla sicurezza dei voli militari in Siria , è quindi sospeso.

La ministra Andrea Leadsom giura che la premier "ha il cuore a pezzi", ma l'opinione pubblica vede altro. La sede municipale è stata presa d'assalto da centinaia di dimostranti, fino all'intervento della polizia e all'arresto di uno dei più esagitati. Oggi sarà effettuata una perizia specializzata sulla torre, che ai piani più alti presenta ancora piccoli focolai di incendio. A differenza della premier May, che si era fermata pochi minuti a parlare con i pompieri e la polizia, il leader laburista si é trattenuto anche fra la gente e con i volontari di un Centro di raccolta allestito nel complesso della chiesa di St. Clements. "È un'oltraggiosa politicizzazione dell'incendio", tuona Johnson, per il quale "è incredibile che il Labour suggerisca che questa tragedia sia in qualche modo causata dai tagli ai servizi". Nelle ultime ore si sono moltiplicati gli appelli e le telefonate di amici e parenti, alla ricerca di notizie su quanti risultano dispersi. Kebede, anche a detta dei suoi vicini, avrebbe fatto di tutto per evitare la tragedia dopo le prime fiamme, allertando soccorsi e vicini di casa che si sono salvati scappando ma non è riuscito a ed avvertire tutti.

Con sospetti sugli interessi della società privata di gestione dell'edificio, come pure sui mancati controlli delle autorità.

Share