Le multe, la patria potestà, le verifiche: così viene ammorbidito il decreto

Share

Questi segnali hanno suscitato preoccupazioni nelle società scientifiche, la Società di Pediatria esorta a tenere duro e ad introdurre una tredicesima vaccinazione obbligatoria, anti-pneumococcica; dalla Fimmg arriva il monito: sarebbe "sbaglio enorme" eliminare alcuni vaccini dal decreto. Ma oggi si sta verificando la completa disinformazione da quella stampa che forse avendo paura di perdere pubblicità dalle grandi case farmaceutiche con integratori, medicinali di varie natura, ha preferito disinformare, e rimanere al soldo del padrone anziché la verità. Intanto dal Senato giunge la relazione della Commissione Bilancio secondo cui il governo nella relazione tecnica di accompagnamento al decreto non avrebbe tenuto conto di almeno cinque punti dolenti: primo, non sono stati fatti i conti se le dosi di vaccino per raggiungere la copertura del 95% per le quattro classi vaccinali individuate dal 2001 ad oggi siano approvvigionabili senza ulteriori costi per lo stato; secondo, non sono stati calcolati gli aggravi retributivi in termini di straordinari per le segreterie delle scuole che dovranno gestire i rapporti con le famiglie quando entro il 10 luglio chiederanno i certificati vaccinali per riscontrarli, e per il personale dei Servizi di Igiene Asl, medico, infermieristico ed amministrativo chiamato a vaccinare chi ancora non lo aveva fatto.

L'idea iniziale consiste nel partire dalle 12 vaccinazioni obbligatorie, per poi ridiscuterne ogni due o tre anni, in base ai risultati che derivano dalle indagini epidemiologiche. "Il Direttore Generale dell'ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, Zsuzsanna Jakab, si è congratulata con il Ministero della Sanità Italiano per i passi positivi nell'assicurare comunità piu sicure e nel creare una cultura più consapevole per chiudere il gap immunitario".

Su questo tema molto sentito - ha proseguito Filippi rivolgendo un accorato appello ai consiglieri - vi chiediamo un impegno forte per bloccare il decreto, sottoscrivendo la mozione che è stata appena presentata.

Storica vittoria del centrodestra a Genova: Bucci nuovo sindaco
I sostenitori del candidato sindaco del centrosinistra ed assessore comunale uscente Gianni Crivello nel bunker. Più interessante il caso di Verona dove si fronteggiavano Sboarina ( centrodestra ) e Bisinella (lista civica).

Roma, 22 giu. (AdnKronos Salute) - "Abbiamo presentato un decreto che ha molteplici aspetti, poi dal Parlamento mi aspetto interventi di miglioramento e su questo il mio atteggiamento e' totalmente laico".

"Nel contesto del dibattito politico in atto per la conversione in Legge del Decreto n. 73 del 07/06/2017 che ha introdotto l'obbligatorietà sul territorio nazionale di 12 vaccini fra quelli previsti dal piano nazionale per la prevenzione, la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) vuole dare un contributo di merito ribadendo che condivide il mantenimento del Decreto nella sua attuale versione e propone di incrementarlo con l'inserimento della vaccinazione anti pneumococcica come già ribadito nei giorni scorsi insieme alle altre società scientifiche che hanno elaborato la proposta del 'calendario vaccinale per la vita' che ha ispirato l'attuale calendario nazionale vaccini". Zeni ha infine assicurato che la Provincia promuoverà una campagna di informazione e la formazione degli operatori, che devono rispondere adeguatamente alle persone che legittimamente chiedono di capire le ragioni del decreto. Quindi "possiamo fare delle scelte" ma qualsiasi decisione sarà presa solo "su base scientifica", perché "decide la scienza, non la politica", aggiunge De Biasi.

Share