May insiste e va avanti "Adesso un nuovo governo"

Share

Dopo la parziale vittoria alle recenti elezioni, il premier britannico, signora Theresa May, cerca sostegni al suo governo per gestire la Brexit. Lo ha annunciato il capogruppo Tory, Gavin Williamson, al termine di una giornata di negoziati a Belfast. "Da parte mia - aveva detto lui - il metodo è chiaro: voglio che il negoziato sull'uscita della Gran Bretagna dall'Ue e sulle nostre relazioni future cominci il più presto possibile e venga condotto in modo coordinato con la Commissione europea". "Difenderemo gli interessi dei 27 stati membri e la Gran Bretagna difenderà i suoi interessi, nello stesso tempo abbiamo detto di voler rimanere un buon partner della Gran Bretagna, che fa parte dell'Europa anche se non sarà più parte dell'Unione europea". Accreditati di un ampio vantaggio nelle settimane precedenti al voto, May e i Conservatori hanno perso voti e seggi. La May ha vnto numericamente ma non politicamente, perché non ha ottenuto la forte legittimazione popolare che cercava.

"Mi assumo la responsabilità della campagna elettorale, che è stata un errore rispetto al nostro programma", scrive Nick Timothy.

Se è scontato, ma non semplice l'accordo con il tradizionale alleato, il Partito Unionista ordirlandese di Arlene Foster, il Dup ultraconservatore e con posizioni nettamente retrive ed ovviamente localistiche su alcuni argomenti, dai diritti civili alla rivendicazione di agevolazioni e benefici fiscali, anche altri elementi sono destinati a rendere poco agevole il percorso della nuova-vecchia Premier nel prosieguo della sua attività di governo e di leader dei "Blu". Dichiarazioni che arrivano nel giorno in cui i conservatori guidati da Theresa May hanno trovato un'intesa con gli unionisti nordirlandesi per la formazione del nuovo governo dopo l'esito delle elezioni dell'8 giugno che non avevano dato alla May la maggioranza assoluta in Parlamento.

Scontro treni in Salento, ripresa la circolazione ferroviaria: carrozze semivuote
Le due littorine procedevano in senso opposto, ma a bassa velocità e per questo anche i mezzi non hanno riportato grossi danni. I soccorritori hanno aiutato i passeggeri a raggiungere a piedi un tratto di strada che costeggia la tratta ferroviaria.

Molto più stringato e secco il congedo della Hill: "E' stato un piacere servire il governo e lavorare con un così eccellente primo ministro". E di risvegliare entusiasmi sopiti fra giovani e meno fortunati che alle urne questa volta paiono essersi fatti sentire. Il Daily Mirror attacca il futuro governo come "una coalizione di matti", mentre il Sun fa un gioco di parola con la parola chips, patatine ma anche fiches al gioco: La May ha giocato le sue carte, è il titolo, accompagnato dalla ormai famigerata foto della premier che mangia patatine fritte da un cartoccio durante la campagna elettorale.

Pochi giorni dopo le elezioni, in Gran Bretagna regna l'incertezza. Fuori l'Ukip rimasto a bocca asciutta, il suo leader si dimette. Intanto si è verificato un crollo brusco per la sterlina.

Share