Mediaset, nuova causa contro Vivendi

Share

Confalonieri ha dichiarato "Mediaset archivia un 2016 difficile che si è chiuso con una perdita in massima parte ascrivibile al conflitto con Vivendi che "ha smesso le sembianze del partner finanziario per mostrare il volto del raider finanziario", ha sottolineato il presidente del Biscione".

Inoltre, annuncia che "poche settimane fa" Mediaset ha "nuovamente citato in Tribunale Vivendi per violazione contrattuale, concorrenza sleale e violazione della legge sul pluralismo televisivo".

Nel suo intervento in apertura dell'assemblea degli azionisti, a cui Vivendi non si è presentata, il presidente di Mediaset ha lanciato un duro attacco a Vivendi e alla scalata al gruppo di Cologno Monzese. "In autunno è prevista una nuova asta per i diritti tv della Serie A. Mediaset parteciperà con l'obiettivo di ottenere la migliore offerta televisiva calcistica per i tifosi italiani". Siamo in attesa di conoscere le decisioni di Agcom. Considerato che le azioni proprie sono prive di voto, ad acquisti conclusi, Fininvest avrà il 43,92% del capitale votante di Mediaset.

Per quanto riguarda la serie A "non abbiamo partecipato perché era inaccettabile la composizione dei pacchetti, come abbiamo fatto pesare sia alla Lega che all'Antitrust". Il manager ha aggiunto che ci sono comunque "buoni rapporti" con Mediaset e che si tratta di "un'azienda non solo rispettabile, ma anche con un buon posizionamento di mercato". In pratica Mediaset potrebbe quindi utilizzare lo strumento dell'opa parziale sul mercato. Il piano è stato approvato con il 98,68% degli azionisti presenti e dal 94,4% del flottante presente.

"La prima causa era legata alla rottura del contratto, questa è conseguenza di quanto avvenuto dopo", ha detto l'amministratore delegato di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi.

Migranti, l'Italia lancia l'allarme all'Europa: "Situazione grave". Ipotesi: blocco dei porti
Ora la questione passa al voto della Commissione Affari esteri. A questa operazione partecipano ben 25 nazioni europee .

Mentre sui diritti tv del calcio, l'ad ha aggiunto in conferenza stampa: "ad oggi per un accordo con Sky onestamente non ci sono elementi".

La posizione non cambia in merito ad una possibile intesa con Sky, realtà con la quale "anche in passato ci siamo scambiati i diritti, e la scelta ha portato benefici ad entrambe le società". Annunciata anche la presentazione di una nuova offerta per i diritti di trasmissione delle partite di serie A.

Su quest'ultimo punto quel che conta sarà il comportamento delle minoranze di mercato. Mediaset è tornata in utile nel primo trimestre 2017. "Noi stiamo andando bene e stiamo conquistando quote".

Sulle critiche del fondo Amber - che detiene il 2,5% del capitale di Mediaset e che ha attaccato il management definendolo inadeguato e chiedendo un cambio di passo nella gestione - Berlusconi ha risposto: "ogni stimolo è benvenuto", anche se alcune critiche "non le condividiamo: parleremo con Amber, già lo facciamo e lo faremo sempre più".

Share