Papa Francesco condanna le pensioni d'oro: "Sono un'offesa"

Share

Francesco non risparmia anche una critica contro "le pensioni d'oro" che - dice - "sono un'offesa al lavoro non meno grave delle pensioni troppo povere, perché fanno sì che le diseguaglianze del tempo del lavoro diventino perenni".

"Il sindacato è indispensabile per fare una buona società, stare insieme agli ultimi, nelle periferie, accanto ai giovani, agli immigrati e agli esclusi", ha detto il Papa, che ha invocato un nuovo patto sociale per il lavoro, riducendo le ore di lavoro di chi è nell'ultima stagione lavorativa per fare posto ai giovani. "Il dono del lavoro - ha ricordato - e' il primo dono dei padri e delle madri ai figli e alle figlie, e' il primo patrimonio di una societa'. E' la prima dote con cui li aiutiamo a spiccare il loro volo libero della vita adulta". Il sindacato, rimarca Francesco, "nasce e rinasce tutte le volte che dà voce a chi non ce l'ha", tutte le volte che "denuncia il povero "venduto per un paio di sandali", che "smaschera i potenti che calpestano i diritti dei lavoratori più fragili", che "difende la causa dello straniero, degli ultimi, degli "scarti". L'economia ha dimenticato la natura sociale che ha come vocazione, la natura sociale dell'impresa, della vita, dei legami e dei patti. Questo non è pigrizia, è un bisogno umano. Nell'incontro con i delegati Cisl il Papa, come al solito, ha parlato chiarissimo. Il Papa ha spiegato: "Il sindacato è espressione del profilo profetico della società". Oggi pomeriggio alle 15,00 si apriranno i lavori congressuali con la relazione di Annamaria Furlan, gli interventi del Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e del Vescovo di Taranto, Mons. Sindacato è una bella parola che proviene dal greco syn-dike, cioè 'giustizia insieme'. Il sindacato non svolge la sua funzione essenziale di innovazione sociale se vigila soltanto su coloro che sono dentro, se protegge solo i diritti di chi lavora già o è in pensione. Centralita' della persona e del lavoro, contrasto alle diseguaglianze sociali, riforma dei contratti, welfare aziendale e territoriale, politiche attive e giovani: sono i principali temi che saranno al centro del dibattito. Anche il sindacato deve vigilare sulle mura della città del lavoro, come sentinella che guarda e protegge chi è dentro la città del lavoro, ma che guarda e protegge anche chi è fuori delle mura.

Vasco in concerto anche all'UCI Cinemas di Montano
La regia live del concerto è curata da Pepsy Romanoff , il regista che ha firmato gli ultimi video e il film girato a Napoli. Per raggiungere Modena per il concerto sono previsti anche treni speciali .

"Non lasciatevi bloccare da questo", è allora il monito del Vescovo di Roma. So che vi state impegnando già da tempo nelle direzioni giuste. Senza dimenticare le donne: "Ancora nel mondo del lavoro la donna è di seconda classe: voi potreste dire, sì, ma c'e' quella imprenditrice, quell'altra... ma la donna guadagna di meno, è più facilmente sfruttata: fate qualcosa". Vi incoraggio a continuare e a fare di piu'. "Abitare le periferie può diventare una strategia di azione, una priorità del sindacato di oggi e di domani". E ha aggiunto, a nome di tutto il sindacato: "Noi troviamo ogni giorno nella Sua parola illuminata, Santo Padre, un punto di riferimento costante, un ancoraggio ed una ragione di speranza in un mondo caratterizzato da quella che Ella, Santità, ha definito giustamente una "guerra a pezzi", combattuta nell'immobilismo delle istituzioni internazionali, nelle colpevoli omissioni dei Governi, nelle debolezze di un'Europa miope e chiusa in se stessa, che sembra aver accantonato il suo ruolo storico di portatrice di pace, giustizia sociale, solidarietà". Dura condanna anche del lavoro minorile: "Da bambini non si lavora, e non si deve lavorare" ha girato il Pontefice.

R. - Io credo che noi dobbiamo costruire un percorso perché alla fine per ogni vertenza nel nostro Paese ci sia una giusta soluzione.

Share