Rapina a Pisa, uno dei banditi ha sparato per primo

Share

Un gioielliere di Pisa ha reagito a un tentativo di rapina nel suo negozio uccidendo uno dei banditi. Il titolare del negozio avrebbe fatto fuoco e ucciso uno dei due rapinatori, mentre l'altro è riuscito a fuggire e sarebbe ancora in fuga. Secondo le prime testimonianze, sembra che i malviventi fossero armati ma non è ancora chiaro se le armi fossero vere oppure no. All'interno della gioielleria, con il titolare si trovava anche la moglie, anch'essa accompagnata in caserma. L'episodio è avvenuto poco dopo le 19.30 alla Gioielleria Ferretti, in via Battelli. Non chiara al momento la dinamica di quanto accaduto, se c'è stata una colluttazione, se il negoziante è intervenuto a difesa della moglie o cosa. Si tratta di un bandito, che è stato raggiunto dai colpi di pistola sparati da un gioielliere. Commenta l'accaduto sul social network anche il segretario del Movimento Nazionale Gianni Alemanno: "Daniele Ferretti ha difeso la sua gioielleria dall'ennesima rapina, reagendo e sparando al rapinatore".

Corea del Nord, rilasciato studente Usa detenuto: giallo sul coma
Per le autorità locali il giovane aveva confessato di aver compiuto il gesto su richiesta della Chiesa metodista dell'Ohio. Secondo lui, "ogni volta che che la Corea del Nord conduce nuovi test, la situazione diventa sempre più preoccupante".

"Penso che l'unica vittima sia Daniele Ferretti che negli ultimi anni ha subito altre rapine" è il commento di Alessandro Trolese, vicepresidente vicario di Confcommercio Pisa, a cui è associato il gioielliere, giunto davanti al negozio. Sul posto della tentata rapina, oltre agli investigatori di carabinieri e polizia, si e' recato anche il prefetto di Pisa, Attilio Visconti. "Questo Paese e questa città - conclude - devono cambiare perché non è possibile continuare a subire e vivere nella paura".

Share