Siria, "Assad prepara attacchi chimici". Minaccia dagli Usa

Share

In un comunicato, infatti, la Casa Bianca ha minacciato la Siria di attaccare se sferrerà un attacco con armi chimiche come quello del 4 aprile scorso.

Gli Usa hanno individuato "possibili preparativi" per un nuovo attacco chimico in Siria e avvertono Assad: se avverrà, pagherà un prezzo pesante. Perché per il presidente americano Donald Trump l'uso di armi chimiche è divenuto una linea rossa da non valicare, se non si vuole incorrere in una reazione militare da parte dell'esercito americano.

Le dichiarazioni arrivano dopo aver notato attività simili ai preparativi fatti dal regime prima del 4 aprile, quando ci fu l'attacco alla cittadina di Khan Sheikhoun in cui morirono 80 persone con sintomi riconducibili a quelli provocati dall'utilizzo delle armi chimiche (forse il Sarin).

Wind e Vodafone si sfidano a colpi di offerte per l'estate 2017
Scegliendo, invece, un nuovo smartphone firmato Wind , con un 1 euro al mese, si ottiene 2 GB ogni mese in più. Il costo è di 14.90€ per due mesi comprendendo anche 20 Giga Full Speed .

Di diverso avviso il Cremlino: gli Usa accusano Assad di preparare un attacco chimico, ma in realtà preparano un raid "su chi è sull'orlo di una soluzione costruttiva della situazione". Ed è probabile che anche questa sia una montatura: Assad non ha mai usato armi chimiche, visto che non ha mai avuto bisogno di usarle.

L'ambasciatrice americana presso le Nazioni Unite, Nikki Haley, ha scritto: "Qualsiasi altro attacco compiuto contro la popolazione siriana sarà attribuito ad Assad, alla Russia e all'Iran, che supportano il presidente siriano". Durante la campagna elettorale Trump aveva precisato di non voler fare la guerra ad Assad, arrivando a definirlo un interlocutore più affidabile della frammentata e divisa opposizione armata al regime, in cui sono presenti anche forze salafite e qaediste.

"Come abbiamo affermato in precedenza, gli Stati Uniti sono in Siria per eliminare lo Stato Islamico di Iraq e Siria".

Share