Valentino Rossi immenso: i record di una carriera leggendaria

Share

Vola come una farfalla e punge come un'ape, Danilo Petrucci, che ad Assen (Olanda) lotta per tutta la gara per la vittoria e alla fine festeggia il secondo podio stagionale dietro l'amico - e maestro - Valentino Rossi. Valentino Rossi inonda Galbusera con lo champagne e lo applaude dal primo grandino del podio, donando all'albiatese il meritato proscenio.

Pole a sorpresa sul circuito di Assen, che era stato bagnato fino a poco prima della prova finale.

Rossi non ha pietà per niente e per nessuno tanto che, dopo essere balzato in testa al 15esimo giro, resta in piedi nonostante una manovra azzardata di Zarco.

Valentino Rossi, su Yamaha, con una gara emozionante e esemplare, sul circuito olandese di Assen, conquista un'altra spledida vittoria.

Dovizioso: Non ho corso rischi, che emozione guidare la classifica
Avevo preparato tutto poi però purtroppo ho avuto dei problemi nel superare Rins e Barberà che erano doppiati. Comunque gli manderò la fattura: "mi ha rovinato una tuta nuova, che avrebbe dovuto durare fino all'Austria".

"Ora torniamo a casa primi in campionato, e per me è una emozione nuova perché non sono mai stato in testa alla MotoGp - ha concluso il Dovi -". Ma a risalire forte dalle retrovie con prepotenza ci ha pensato Vinales che è riuscito a riportarsi a ridosso dei primi.

In classifica piloti Vettel raggiunge quota 153 punti e aumenta il proprio margine su Hamilton (139); Bottas è terzo con 111, mentre Ricciardo grazie alla vittoria di ieri arriva a 92. "L'avrei dovuta usare almeno sino all'Austria, quindi se non viene pulita poi dopo me la ripaga lui!" Ma nella domenica di Assen, Capirex non è la sola vecchia gloria surclassata: con i suoi 38 anni e 129 giorni, Valentino è diventato il più vecchio pilota della MotoGp ad aver vinto un Gran Premio, scavalcando Troy Bayliss che, wild card nel 2006, a Valencia vinceva a 37 anni e 213 giorni, nello stesso anno in cui vinse il titolo di campione del mondo della Superbike, il secondo dei tre allori centrati in sella alla Ducati. Sono contento anche guardando il week end dal punto di vista tecnico, perché abbiamo lavorato molto sulla moto e abbiamo cambiato il telaio. Chissà che il decimo successo in Olanda non porti bene, visto che Rossi è a nove titoli mondiali vinti e attende da tempo la Decima, sfuggitagli nel 2015 per il biscottone finale tra Marquez e Lorenzo.

Nelle ultime battute grande rientro di Marquez e Crutchlow che chiudono rispettivamente terzo e quarto, con Dovi che intelligentemente non forza, finisce quinto e ora è primo in classifica.

Share