Montella: "Niang è cresciuto, può restare al Milan"

Share

Ma bisogna ricordare che in serie A ci sono altre squadre che sono più avanti di noi nonostante abbiano acquistato meno: "hanno iniziato la programmazione prima di noi".

Nel corso di una lunga intervista a Il Corriere dello Sport, Vincenzo Montella, attuale tecnico del Milan ed ex giocatore della Roma, si è soffermato a parlare dell'addio al calcio di Francesco Totti, oltre che a spiegare il suo punto di vista sul prossimo campionato.

"Mi aspetto di arrivare in fondo, di non sottovalutarla, che ci porti abitudine a giocare in settimana in Europa e sia in qualche modo anche una preparazione per il futuro".

Siccità, M5s chiede stato d'emergenza per Roma
E' un danno enorme per i cittadini, per le attività economiche e commerciali. È un danno di immagine per tutta l'Italia. Serve la manutenzione delle reti e questa deve cominciare subito, dal mese di agosto".

I rossoneri non restano a guardare e qualche istante più tardi è Borini ad innescare in profondità Cutrone, il quale effettua un tiro, leggermente deviato dal portiere avversario, Calancea, quel tanto che basta per indirizzare la sfera sul palo interno.

Montella si è schierato, la palla ora passa a Niang. "Abbiamo delle certezze, abbiamo dei giocatori che possono assolutamente crescere nel tempo". L'"aeroplanino" ha poi aggiunto: " Stiamo inserendo i nuovi, siamo in costruzione. "È sicuramente un giocatore più maturo di 12 mesi fa". Loro erano molto corti tra i reparti. "Quindi, se non ci saranno sorprese, credo che se lo giocherà insieme alla Juve". In merito al modulo tattico da utilizzare, l'allenatore campano spiega: " E' difficile insegnare uno o più moduli, per adesso il modulo di riferimento è il 4-3-3 con una variante, per non confondere i giocatori". Ci siamo messi a tre oggi per avere un palleggio migliore. Donnarumma ha fatto una parata importantissima anche perchè arrivata in un momento caldo della partita.

"La condizione di Donnarumma: "Lo abbiamo ritrovato così come lo avevamo lasciato e siamo tutti felici". Arrivando dieci calciatori c'è bisogno di un po' di tempo, di un po' di adattamento, per chi proviene dal campionato straniero ancora di più.

Share