Stato d'emergenza per la siccità a Roma. Il governo decide a breve

Share

Cambio di idea da parte della Regione Lazio sulle captazioni dal lago di Bracciano da parte di Acea Ato2. "Quindi l'obiettivo è evitare il razionamento", ha sottolineato stamane il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, al termine della Conferenza delle Regioni.

"Lago Bracciano emergenza più grande" Il ministro ha poi spiegato che il lago di Bracciano "si trova nella più grave emergenza idrica registrata nell'Italia centrale", aggiungendo che "proprio ieri si è tenuta una riunione dell'Osservatorio sull'Appennino Centrale", per "affrontare prioritariamente le azioni rivolte alla salvaguardia del lago". Oggi a mezzanotte scatta infatti il divieto imposto dall'ordinanza della Regione Lazio di prendere acqua dal bacino idrico di emergenza della Capitale, ormai arrivato sotto al livello minimo consentito rispetto allo zero idrometrico. Un esasperante botta e risposta che - nonostante l'allarme dello stesso ministro dell'Ambiente Galletti che ha definito la situazione romana "quella che ci preoccupa di più" - non ha prodotto nessun valido piano b.

Uomini e Donne: Tina, pausa di riflessione con il marito
Mi dà una grande mano andando a riprendere i ragazzi a scuola e si alterna nell'accompagnarli a fare attività sportiva. La bionda si prende una pausa di riflessione per cercare di fare chiarezza sul suo matrimonio .

"Con riferimento alla criticità ambientale che sta interessando il lago di Bracciano, oggetto negli ultimi giorni di enfasi mediatica, si rappresenta che sono state presentate più denunce alla Procura della Repubblica di Civitavecchia che ha delegato le indagini ai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Roma - si legge nella nota del Noe - disponendo la contestuale esecuzione di una perquisizione locale, previa notifica di avviso di garanzia per inquinamento ambientale, presso gli uffici di Acea Ato 2 S.p.A. siti a Roma in piazzale Ostiense n. 2, al fine di sequestrare documentazione relativa alla captazione di acqua dal bacino lacustre".

A esultare per le indagini in corso il Comitato per la Difesa del Lago di Bracciano. Durante l'audizione Galletti ha ribadito che sono 21 milioni di euro i fondi destinati alla Regione Lazio nel quadro di un più ampio 'Piano di sostituzione delle reti' previsto nell'ambito della programmazione dei Fondi sviluppo e coesione. Per contro, il ministro dell'Ambiente, annunciando che il rischio di razionamento delle risorse idriche è allo stato attuale scongiurato, ha rilevato che ora "Acea e Comune facciano quello che spetta loro: interventi di manutenzione della rete e nuove infrastrutture".

Share