Usa, Trump dice no ai trans nelle forze armate: "Costano e disgregano"

Share

Il Presidente Trump non si smentisce mai, e fa scoppiare l'ennesima bufera nel web dove proprio sul suo profilo Twitter ha voluto comunicare al mondo intero la sua decisione di vietare ai transgender di arruolarsi all'esercito americano. "I nostri militari - ha continuato Trump - devono concentrarsi su decisive e schiaccianti vittorie e non possono essere oberati dai tremendi costi medici e disagi che comporta avere transgender nelle forze armate". Che ha aggiunto: "Intanto continueremo a trattare tutto il nostro personale con rispetto" e "viste le sfide attuali che affrontiamo, resteremo concentrati sul compimento delle missioni a noi assegnate".

In base a quanto deciso nel giugno 2016, le persone transgender che già erano nell'esercito potevano continuare a farne parte "con effetto immediato" anche dopo aver dichiarato apertamente di esserlo.

Avengers: Infinity War, novità sul film e... Thor: Ragnarok
Sono entrambi film giganteschi, ma è importante per entrambi le pellicole riuscire a distinguersi l'una dall'altra. Come precedentemente annunciato, i Guardiani della Galassia saranno presenti nel film accanto agli Avengers .

Lo Stato maggiore ignora l'ordine di Trump. Sono state inoltre avanzate ipotesi economiche per giustificare la scelta a sorpresa di Trump: secondo il New York Times, dietro ci sarebbe la necessità di approvare questa settimana in Congresso un pacchetto di bilancio di 790 miliardi di dollari per la Difesa, a cui alcuni repubblicani si opponevano perché la somma includeva la copertura del trattamento ormonale per i militari transessuali. Nel messaggio del capo di Apple si legge: "Siamo in debito con tutti quanti prestino servizio". Fu Manning, nata Bradley e che ha poi chiesto di cambiare la sua identità in Chelsea, a passare al sito di Julian Assange i primi cabli pubblicati nel 2010; ed è stata scarcerata a maggio dopo la grazia concessale da Obama alla fine del suo mandato.

Molti cittadini sono infatti scesi in piazza nelle città americane per protestare e anche molti personaggi dello showbiz hanno voluto prendere posizione.

Share