Allarme uova olandesi contaminate ritirate in Germania, è allerta anche in Italia

Share

Il Fipronil è un ingrediente comune dei prodotti veterinari per eliminare le pulci, i pidocchi e le zecche, ma vietato per il trattamento di animali destinati al consumo umano.

In Italia? Nessun rischio di uova contaminate sugli scaffali dei centri commerciali italiani, fa sapere il ministero della Salute con una nota ufficiale: "Non risultano distribuzioni di uova contaminate con Fipronil in Italia".

Dopo il Belgio e altri paesi del nord Europa, anche l'Italia potrebbe essere coinvolta nello scandalo delle uova contaminate dall'insetticida fipronil. Di queste uova si sta parlando da un paio di settimane: provengono dai Paesi Bassi, dove 180 allevamenti sono stati chiusi in via precauzionale mentre è in corso un'indagine sulla contaminazione e milioni di uova sono state sequestrate e distrutte.

Zamparini: "Mercato del Palermo chiuso. Spero che Rispoli non vada via"
Oggi comunque il primo passo del Palermo (ore 20,30) targato Tedino, con il modulo più volte sperimentato durante tutto il ritiro. Andrea Rispoli nella scorsa stagione in Serie A con il palermo ha giocato 33 partite, segnato 6 reti e servito 3 assist.

Adesso l'allarme arriva anche in Italia, dal momento che le uova potrebbero esser giunte anche sulle nostre tavole. Il fipronil è un insetticida che viene di solito utilizzato per combattere pulci, acari e zecche.

La Germania ha importato circa 10 milioni di uova contaminate con l'insetticida, per questioni di sicurezza e nell'attesa che la situazione venga chiarita, molte catene di supermercati hanno bloccato la vendita. Si teme che la sostanza illegale sia stata mescolata con un insetticida utilizzato legalmente per il mantenimento dei polli e per migliorarne la resa.

E Coldiretti e le varie associazioni di categoria hanno smentito seccamente, spiegando piuttosto che 578mila chili di Uova sono statie importate dal Belgio nei primi 4 mesi del 2017 quando in realtà non servivano in quanto l'Italia produce una quantità di uova identica ben superiore ai consumi e a quello che serve. In Svezia e in Svizzera le uova sono arrivate direttamente dai Paesi Bassi, in Francia e nel Regno Unito attraverso la Germania. Sia in Belgio sia in Olanda sono state avviate inchieste penali. "I rischi, tra gli altri, sono danni alla tiroide, ai reni e al fegato". Anche se si tratta di indagini allo stato iniziale, come confermato da Gesa Weiss, portavoce della procura, in un'intervista alla tedesca ZDF, il Ministro dell'agricoltura Christian Schmidt (CSU) avverte che "non è ancora possibile dare il segnale di cessato allarme, perché non è ancora stata fatta piena chiarezza su tutte le filiere e le contaminazioni delle uova infette". Giovedì, i due maggiori gruppi di supermercati olandesi, nonché il gruppo di supermercati tedesco Rewe, scrive il quotidiano britannico, hanno dichiarato di aver rimosso le uova dai loro scaffali.

Share