FCA nel mirino cinese?

Share

In particolare viene indicato uno scambio di incontri tra manager Fca e di Great Wall prima in Cina e poi nel quartier generale di Auburn Hills in Michigan. I gruppi cinesi, segnala ancora la testata "sono sotto pressione da parte del governo affinché si espandano al di fuori della Cina acquistando imprese straniere".

Nessun comunicato stampa - finora - è stato pubblicato da FCA sul tema, che rimane quindi una semplice indiscrezione. Non si capisce inoltre "quali di questi potrebbe avere successo" nel tentativo di acquisizione dell'ex-Lingotto. Ma, secondo la stessa fonte, sono diversi i gruppi cinesi dell'auto ad aver avviato contatti per studiare il dossier Fiat ritenuto un target attraente per le strategie di espansione sui mercati internazionali dei colossi asiatici delle quattro ruote. Automotive News ha scritto che "almeno un'offerta" è stata presentata nel mese di agosto da un costruttore cinese, respinta comunque al mittente da Fca in quanto ritenuta non sufficiente. L'operazione riguarderebbe tutti i marchi tranne Alfa e Maserati, che rimarrebbero invece controllati da Exor.

Allegri: "La Lazio ha meritato. Noi abbiamo giocato solo il secondo tempo".
Il dialogo nel fine partita con Agnelli, Marotta e Paratici? "La prestazione sarebbe comunque rimasta negativa". "Non ci sono scusanti, mi si dispiace perdere e soprattutto perdere così - ha aggiunto il tecnico bianconero -.

Le notizie portano il titolo Fiat Chrysler Automobiles in evidenza a Piazza Affari con l'azione che balza al momento del 4% a quota 10,22 euro.

Share