È morto Guido Rossi. Aveva 86 anni. Fu commissario Figc dopo Calciopoli

Share

E' morto all'età di 86 anni Guido Rossi, uno dei giuristi ed avvocati più conosciuti in Italia, divenuto celebre anche nel mondo del pallone per una carica ricoperta nell'estate del 2006, quella relativa allo scandalo di Calciopoli.

Ma Rossi, classe '31, ricoprì soprattutto incarichi extra-calcistici: è stato presidente della Consob, organismo di vigilanza sulla borsa e senatore della sinistra indipendente nella decima legislatura. Guido Rossi è stato tra i massimi esperti italiani di diritto societario.

Traffico da bollino nero sulle autostrade
Il risultato? Code, rallentamenti, condizioni che aumentano esponenzialmente il rischio d'incidenti. Dalle prime ore della mattina ci sono code in direzione sud tra Brennero e la barriera di Vipiteno.

Nato nel 1931 a Milano, si era laureato in giurisprudenza all'Università di Pavia a soli 22 anni. Nel 1997, viene nominato da Carlo Azeglio Ciampi, allora presidente del Tesoro e poi futuro Presidente della Repubblica, a capo della Telecom. Per lui altro prestigioso incarico nel 2007, alla guida di Fiat. Lo scorso anno aveva assistito anche la famiglia Riva nella trattativa con i commissari straordinari di Ilva per definire la cifra che gli ex proprietari hanno dovuto corrispondere per le spese di risanamento ambientale. Guido Rossi è autore di diversi volumi, tra cui "Il fallimento nel diritto americano" del 1956, "Trasparenze e vergogna". Ha scritto anche numerosi studi monografici in tema di società, impresa, mercati mobiliari e legislazione antitrust (come "Antitrust e teoria della giustizia" del 1995).

Share