Ubriaco tampona una Mini e uccide un 31enne a Milano

Share

L'uomo fermato dalle forze dell'ordine un peruviano di 34 anni che era alla guida ubriaco e al cellulare era già noto alle forze dell'ordine perchè già in precedenza fermato per guida in stato di ebrezza. Ha infatti provocato un incidente stradale nel quale ha perso la vita una persona. Ormai la cronaca quotidiana è piena di episodi di questo tipo.

L'incidente stradale è avvenuto venerdì 11 agosto, e dopo 24 ore il pm dopo averne accertato l'esatta dinamica ha disposto per l'uomo la custodia cautelare in carcere. Su di lui sono proseguiti per tutta la mattina gli accertamenti, che alla fine hanno confermato i sospetti iniziali (nel mezzo sono state ritrovate tracce di birra): sembra che avesse un tasso alcolemico superiore a 1,5 (a fronte di un limite massimo fissato per legge a 0,5); e per di più gli era appena stata restituita la patente, ritirata mesi fa pare sempre per guida in stato di ebbrezza. Sotto i fiumi dell'alcool e impegnato con il cellulare si è distratto e ha tamponato l'auto dell'avvocato Luca Andrea Latella, bocconiano e legale all'ENI.

Goletta verde: "Nostri mari sono malati cronici". Campania maglia nera
In 46 spiagge monitorate ne sono stati trovati quasi 7000, frutto della cattiva abitudine di buttarli nel wc. "Ma l'11% degli italiani è ancora sprovvisto di impianti".

Il conducente peruviano è risultato essere positivo all'alcol test ed è stato prima trasportato al Niguarda per le medicazioni alle ferite riportate, poi trasferito al carcere di San Vittore dove ha passato la notte.

Anche la Chiesa, per bocca del presidente della Cei, card.

Share