Vendita di Alitalia, interesse Ryanair Ma O'Leary vuole solo la flotta

Share

"Per Alitalia è probabile uno spezzatino" ha spiegato infatti O'Leary parlando in una conferenza stampa convocata a Londra per parlare degli sviluppi della sua compagnia aerea low cost.

I commissari italiani però - su indicazione del governo - fino ad ora hanno sempre escluso l'ipotesi dello spezzatino, cioè la possibilità che la compagnia venga venduta "a pezzi" a vari acquirenti.

Roma: motociclista multato spezza un braccio al vigile
Il giovane, sopraggiunto in motorino ha cominciato a fare zig zag tra i 'birilli' sistemati per limitare l'area. Troppo lunghi i rilievi per un incidente stradale, un motociclista innervosito gli ha spezzato un braccio.

"Ryanair terra' la maggior parte del personale Alitalia, in particolare piloti ed ingegneri, se la sua offerta verra' accettata", ha aggiunto O'Leary, specificando che "sara' mantenuto anche il marchio Alitalia". "L'obiettivo - aveva concluso Calenda - è che non servano altri interventi pubblici: per me la priorità in questo caso è non far tirare più fuori soldi ai cittadini".

"Siamo la più grande compagnia aerea in Europa con la situazione finanziaria più solida, e nonostante questo non siamo stati invitati al tavolo dove si discute del futuro di airberlin", ha sottolineato all'Irish Times nella stessa occasione il chief commercial officer David O'Brien, convinto che le parti più attrattive del vettore tedesco finiranno proprio nelle mani di Lufthansa, nonostante il vettore irlandese si sia da subito appellato all'Autorità Tedesca Garante della Concorrenza (Bundeskartellamt) e alla Commissione Europea. O'Leary ha ribadito che l'offerta sarà condizionata anche a esuberi e modifiche contratti lavoro.

Share