Austria Vienna-Milan: 3-5-2 stasera in Europa per Montella, ecco la probabile formazione!

Share

PERCHÉ NO La linea a 4, specialmente contro squadre di spessore inferiore, ti dà molte più soluzioni in avanti e permette di avere più fantasia in campo In particolare un 4-3-3 permette ad uno come Suso di esprimersi al meglio, mentre invece nel 3-5-2 verrebbe schierato da atipica seconda punta o, come visto ieri, andrebbe giocoforza sacrificato. Certo, tra una difesa a quattro e una difesa a tre la situazione cambia radicalmente: nel modo di intendere il pallone, di difendere, di attaccare e di vedere la partita.

Montella ha poi dedicato tanti piccoli spezzoni a diversi giocatori della rosa, affrontando il tema prima in chiave generale e poi scendendo nel dettaglio, parlando anche di moduli: La mia rosa? Mi aspetto che dimostri le sue caratteristiche che ha messo in pratica in passato: "può giocare affianco di un altro attaccante". Franck, così come gli altri, non ha reso come nelle prime gare ma ci sta. Non di singoli. Abbiamo fatto 6 vittorie su 7 partite, vincendone una con sofferenza.

"Superiorità tecnica? Abbiamo iniziato con autorevolezza oggi, ma lo avevamo fatto anche a Roma dove non abbiamo però sbloccato la partita. Spero di poter continuare così, ogni sette partite una sconfitta vorrebbe dire secondo posto". È determinante e salta l'uomo.

Sassuolo: Berardi e gli altri, ecco il punto infortuni
Nella foto si vede il piede dell'attaccante con due vistose cicatrici, accompagnate dal commento dell'ex-Napoli: " Simulatore ". Domenico Berardi , tra i migliori talenti di casa, ha quasi sempre saltato la sfida contro la 'Vecchia Signora'.

Austria Vienna-Milan è la grandissima occasione per i rossoneri per riscattare immediatamente il brutto ko dell'Olimpico contro la Lazio. Rientrare in Europa è importante, è la casa del Milan e va onorata al massimo. Il primo obiettivo è passare questi gironi, poi penseremo ai passaggi successivi, l'Austrai Vienna è una squadra in continuo movimento, organizzata e propositiva.

Suso:"Ce ne sono pochi come lui". Sarà difficile a livello difensivo, dovremo essere bravi in questo. Ripeto, non siamo quelli di domenica scorsa: "le risposte più importante le aspetto sul piano mentale, dobbiamo essere continui".

Share