Barcellona-Juventus: le parole di Allegri e Dybala in conferenza stampa

Share

Abbiamo cambiato molto e bene.

"Io personalmente mi sento molto bene, ho fatto un grande ritiro, mi sono allenato tanto anche quando ero in Argentina, perchè sapevo che questo è un anno molto importante, sia per noi della Juventus e anche per il fatto della Nazionale, perchè quando finirà il campionato con la Juve e la Champions, c'è il Mondiale che vuol dire tanto per noi". Diventare come Ronaldo e Messi? Difficile arrivare al suo livello. Non siamo nella miglior condizione, ma il nostro obiettivo è passare il turno. Ma la verità è che è difficile per me giocare con lui perché giochiamo nella stessa posizione, cerco sempre di lasciargli i suoi spazi ma non è facile per me.

SU LIVORNO - "Il primo pensiero va a Livorno, la mia città, dopo quello che è successo". Tanto basta perché riecheggi lo spirito di Platini, che trentuno anni fa beffava proprio i catalani (ma sarebbe passato il Barça), proprio con quella maglia. Bisogna ripartire con grande entusiasmo e grande voglia.

Sarà una partita dal grande fascino. Iniesta rappresenta l'essenza del calcio, mentre Dembele è un giovane interessante.

Barcellona meno forte dopo la cessione di Neymar?

Inter: Perisic "io alla Juve? Mai"
L'Inter contro Fiorentina , Roma e Spal ha messo a segno 8 reti subendone soltanto una, quella di Dzeko dai giallorossi. L'Inter , insieme alla Juventus , comanda la classifica a punteggio pieno dopo tre giornate di campionato.

Non che la stagione scorsa sia stata sottotono, anzi, ma l'impressione lampante tra le sue percussioni fulminee è che Dybala ora sia finalmente a suo agio, più al centro della manovra, più mobile, tendente al modello regista avanzato, jolly del 4-2-3-1, coperto da Matuidi, affiancato dal solito Mandzukic, incuriosito da Douglas Costa (a stento promosso nell'ultimo incontro), atteso da Higuain.

Domani scelgo i dieci più il portiere che scenderanno in campo. Cercheremo di creare pericoli al Barcellona, fare tre partite senza subire gol con il Barcellona sarebbe qualcosa di straordinario. Barzagli gioca - ammette - Bernardeschi? L'emittente 'TyC Sports', ad esempio, ha già lanciato un sondaggio: "Sampaoli deve mantenere la coppia o togliere uno dei due?". Regalare spettacolo ogni domenica in campionato è sicuramente un privilegio per chi guarda, ma i fuoriclasse si consacrano quando suona la musichetta della Champions. Detto questo bisogna giocare una partita giusta e cercare di fare gol, il Barcellona qualche difetto ce l'ha. Sabato ha fatto 20 minuti buoni, sta crescendo e domani può essere utile.

"Dobbiamo giocare con grande lucidità e precisione tecnica - prosegue il tecnico - perché loro verranno a pressarci molto".

SUL MOMENTO DEL BARCELLONA - "Loro sono partiti molto forte, insieme al Real Madrid sono i favoriti per vincere la Champions. Non sono solo io, i miei compagni mi aiutano in tutti i sensi".

Share