Corea del Nord, Parigi: "Missili di Kim Jong-un potrebbero raggiungere l'Europa"

Share

E Seul ieri ha lanciato l'allarme sui nuovi test della Corea del Nord, mentre al Consiglio di Sicurezza dell'Onu è esplosa l'irritazione Usa nelle parole dell'ambasciatore Nikki Haley che, al laconico "quando è troppo e troppo", ha aggiunto la richiesta di "più forti misure possibili" contro Pyongayang anticipando la circolazione di una bozza di risoluzione. Lo riferisce Interfax. "Incrementare l'isteria militare in tali condizioni - ha affermato Putin - non ha senso, è una strada senza uscita".

Gli analisti ed i politici sudcoreani credono che il Nord Corea possa impegnarsi in un'altra "provocazione" il 9 settembre nel momento in cui il Nord celebra la giornata di celebrazione della fondazione. "Come ho detto ieri ai miei colleghi - ha proseguito - mangeranno erba ma non fermeranno il loro programma finché non si sentiranno sicuri". Davanti alleminacce di Kim Jong-un, la Corea del Sud avvia a partire da oggi quattro giorni di esercitazioni militari, mobilitando navi e aerei nel Mar del Giappone: "Se il nemico provoca ovunque, sull'acqua o sotto, reagiremo annientandolo in mare" dichiara il capitano Choi Young-cha, comandante del 13° Gruppo navale.

Il rappresentante permanente della Russia all'ONU, Vasily Nebenzya, ha dichiarato che le sanzioni contro la Corea del Nord non sono in grado di risolvere il problema nucleare della penisola coreana.

Padoan: "Componente strutturale in ripresa, dobbiamo ridurre gli squilibri"
"Detto questo vedremo cosa intende fare il governo francese". "Comunque il capitano mi manca e manca a tutti, ma alla Roma credo mancano anche altri giocatori", aggiunge Padoan, noto tifoso romanista. "Questo lo vedremo alla fine.", sorride il ministro dell'Economia.

L'amministrazione Trump ha fatto intendere nei giorni scorsi che, accanto alle sanzioni economiche, è anche pronta a una risposta di tipo militare.

L'agenzia Asia Business Daily, ha annunciato che un missile intercontinentale è stato spostato verso la costa occidentale nordcoreana, la stessa finora usata in occasione dei precedenti lanci. Né otterrà risultati la politca delle sanzioni, perché, sottolinea il leader del Cremlino, Pyongyang "ricorda bene cosa è accaduto in Itaq" nonostante Saddam Hussein avesse "rinunciato ad armi di distruzione di massa".

In queste ore, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua controparte sudcoreana Moon Jae-in hanno concordato per scalare il limite di peso attuale delle testate sui missili balistici della Corea del Sud, ha dichiarato l'ufficio presidenziale della paese, questo per consentire di colpire la Corea del Nord con maggiore forza in caso di conflitto militare. Il segretario delle Nazioni Unite Antonio Guterres non nasconde le proprie preoccupazioni: "È la situazione più pericolosa che ci troviamo ad affrontare - avverte - Le due guerre mondiali non sono iniziate in un momento, ma a causa di una escalation di decisioni prese da vari Paesi". La Casa Bianca ha detto che Trump ha dato l'approvazione in linea di principio alla mossa.

Share