Higuain pronto ad affrontare il Barca: "Inutile giocare bene e non vincere"

Share

Al di là della meta principale, il Pipita pone l'attenzione sulla causa fondamentale che muove il mondo del pallone, la felicità per la concretizzazione della propria passione: "Per me la bellezza di questo sport è vincere, chiaramente se giochi bene e vinci è meglio".

"Giocare bene e non vincere non ti lascia niente".

Scossa di terremoto 3.9 nel Centro-Italia: epicentro vicino L'Aquila
Il terremoto è stato localizzato a soli 9 km a Nord Ovest di L'Aquila , a 39 km a Sud Ovest di Teramo ed a 60 km a Est di Terni. Finora non si Sono in corso verifiche per accertare se vi siano danni a persone e cose.

Infine, l'attaccante bianconero ha confidato di voler lasciare il segno nella storia di questo sport: "Voglio lasciare il mio nome più in alto possibile nella storia di questo sport - ha spiegato Higuain - Bisogna, però, avere grande umiltà: Buffon ha 40 anni, ma ancora adesso è convinto di poter migliorare. Sono giovane. Spero di avere ancora molti anni davanti a me nel calcio". Penso anche che il lato umano sia molto importante, io voglio essere una brava persona e un bravo papà, quando sarà il momento. Mi ha insegnato tante cose che ai difensori non piacciono, in questo senso ho avuto un vantaggio fin dall'inizio della mia carriera. Lo scorso anno ci siamo andati vicini, in questa stagione ci riproveremo.

Ai microfoni del 'Guardian' Gonzalo Higuain si confessa, obiettivi e sogni personali e di squadra dell'argentino. "Anche quando i tifosi dicono che sei il più forte del mondo - insiste - devi continuare a lavorare come se loro ti dicessero che sei finito". Gonzalo Higuain incorona il Fenomeno. La Juve ad esempio ne ha giocate due di Champions League in tre anni, un traguardo molto difficile. E' il motivo per cui gioco a calcio. Devi sapere conviverci - sottolinea Higuain, ex Real Madrid e Napoli -. Ho visto due milioni di volte i suoi gol. Il calcio secondo me è uno sport in continua evoluzione, puoi segnare per sette partite di fila, ma se poi non fai gol per due gare sei in crisi. Non vivo il gol come un'ossessione, ma come un dovere: "è il mio compito".

Share