Huawei presenta il nuovo SoC Kirin 970 con NPU per l'intelligenza artificiale

Share

Si tratta di un processore che probabilmente vedremo nella prossima generazione di smartphone top di gamma della compagnia asiatica. Huawei è impegnata nella trasformazione dei dispositivi smart in dispositivi intelligenti grazie alla costruzione di funzionalità end-to-end che supportano lo sviluppo coordinato di chip, dispositivi e cloud. Al fianco di CPU e GPU, il SoC integra anche un NPU (acronimo di Neural Processing Unit, unità di calcolo neurale), che consente di svolgere calcoli particolarmente complessi, altrimenti troppo "pesanti" per CPU e GPU mobile. Il Cloud AI e l'On-Device AI possono essere complementari. "Il Kirin 970 è il primo di una serie di nuovi progressi che porteranno potenti funzionalità AI nei nostri dispositivi e li renderanno migliori rispetto a quelli della concorrenza".

All'IFA di Berlino, concluso nel fine settimana, i famoso produttore di smartphone Huawei ha mostrato il nuovo chipset di punta, il Kirin 970. L'elaborazione in tempo reale, la personalizzazione dei dati generati dai sensori dei telefoni andranno a soddisfare l'obiettivo finale di Huawei di fornire agli utenti un'esperienza personalizzata. Grazie a chip con elevate capacità di elaborazione, i device saranno più consapevoli delle esigenze degli utenti, offrendo servizi veramente personalizzati e facilmente accessibili. Il chipset include 5,5 miliardi di transistor in un'area di un solo centimetro quadrato ed è la prima piattaforma di calcolo mobile AI di Huawei dotato di una Neural Processing Unit (NPU), un'unita di calcolo neurale. Per intuirne le grandi potenzialità, basti pensare che durante un test di riconoscimento dell'immagine, il Kirin 970 ha elaborato 2.000 immagini al minuto, un ottimo risultato rispetto alle altre proposte sul mercato. L'On-Device AI offre forti capacità di percezione che sono alla base della comprensione e dell'assistenza alle persone. Questo in soldoni significa che il nuovo Kirin 970 permette di ottenere operazioni di calcolo con prestazioni del 25% maggiori del vecchi processore ed un'efficienza del 50% maggiore.

Dipendente STIE arrestato per tentato omicidio
Mazzitelli avrebbe colpito il dirigente con calci e pugni, non solo: avrebbe continuato a infierire quando l'uomo era già a terra. La vittima, del varesotto , è ricoverata in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione dell'Ospedale di Legnano.

Dopo le ultime rivelazioni che sembravano lasciare poco spazio ai dubbi, Huawei ha finalmente confermato che il suo nuovo phablet Mate 10 sarà presentato al pubblico il prossimo 16 ottobre, nel corso di una conferenza dedicata che si terrà a Monaco.

Share