Juve senza difficoltà contro il Chievo, finisce 3-0

Share

Prima l'autorete di Hetemaj, poi l'ingresso in campo di Dybala che ha stravolto le cose. Prima il fuoriclasse argentino ha propiziato il raddoppio di un Higuain, apparso fino ad allora spento, grazie a una triangolazione con Pjanic. Stavolta è stato il turno del Chievo, che nonostante il coraggio e la sfrontatezza sfoderata sul rettangolo di gioco, è costretto ad arrendersi dinnanzi alla forza d'urto e alla caparbietà della Vecchia Signora che inanella, così, il terzo successo consecutivo in campionato. A sottolinearlo in modo chiaro è proprio il tecnico dei campioni d'Italia Massimiliano Allegri: "Siamo pronti per ripartire, ora inizia la stagione vera: in un mese abbiamo sette partite, cinque di campionato e due di Champions".

Nel tentativo di entrare in contatto col pallone e con la partita, Douglas decide allora di abbassarsi per ricevere il pallone più facilmente, senza la gabbia giallo blu a ghermirlo. E' il 3-0, il gol che permette ad Allegri di archiviare l'insidioso impegno casalingo e concentrarsi totalmente sulla trasferta del Camp Nou. Se non dovesse farcela, con il Barcellona giocherà qualcun altro. Ben coadiuvato da Sturaro-Matuidi, l'ex Roma è stato protagonista del pregevole assist per il gol di Higuain. Se questi ultimi due usciranno dal campo con una sufficienza piena, Douglas Costa non convince del tutto.

Il brasiliano è ancora abituato al tipo di gioco che ha imparato a praticare a Monaco, il disordine-ordinato che regna a Torino gli è estraneo. Il croato ha dovuto abbandonare il campo per una botta al polpaccio. Nel finale si ferma Mandzukic per un fastidio al polpaccio sinistro, situazione delicata da monitorare in vista del Barcellona.

Bologna, Donadoni: "Napoli superiore, ma dobbiamo ragionare come squadra"
Sul primo gol Masina aveva letto bene il movimento, ma non ha trovato il tempo giusto. Usciamo a testa alta, consapevoli delle nostre qualità ma anche dei nostri limiti.

Scontato il rientro di Khedira tra i titolari. Deludenti soprattutto le tre punte: Higuain, Mandzukic e Douglas Costa. Il processo di svecchiamento è in atto e con Chiellini out per infortunio l'esperimento Benatia-Rugani non ha entusiasmato anche se il test è da definirsi parzialmente probante.

Per lui una boccata di autostima dopo la delusione derivata dall'esclusione dall'elenco UEFA per la fase a gironi della Champions League.

Dybala show che continua con giocate spettacolari ad incantare il pubblico dell'Allianz, al 25′ del secondo tempo vicino ancora al gol con un diagonale che va a finire di poco fuori, il Chievo sotto shock va comunque vicino ad accorciare le distanze in due occasioni prima con Pellisier e poi con Birsa su punizione, ma è sempre lui che ruba la scena a tutti, la Joya, al 37′ ottima incursione sulla fascia di Bernardeschi appena entrato che innesca Dybala in mezzo a due, calcia sul primo palo sorprendendo in controtempo il povero Sorrentino.

Share