Maltempo, cinque morti nel Livornese

Share

I temporali hanno scaricato soprattutto in mare. Persistono sulla regione condizioni di instabilità sul centro-levante con piogge e rovesci di debole intensità che interessano specialmente lo spezzino. Sulla città e i suoi dintorni nella notte hanno soffiato venti fortissimi e molte strade si sono allagate, trasformandosi in fiumi. Di certo le squadre dei vigili del fuoco hanno recuperato cinque persone decedute, una in via della Fontanella, a Livorno sotto Montenero, e quattro in via Nazario Sauro nel centro di Livorno. Persone sfollate nel quartiere di Salviano, mentre a Quercianella nella zona della stazione si è registrata una frana che ha interessato l'Aurelia: evacuato un campeggio. Bloccata la Fi-Pi-Li, servizio bus interrotto. All'altezza di Vicarello, spiegano i vigili del fuoco, chiusa poi la superstrada Firenze-Pisa-Livorno risulta chiusa per allagamento, praticabile la viabilità secondaria. A Pisa la situazione sta tornando alla normalità: a causa del vento si è verificato il cedimento di una porzione di tetto di un appartamento. In mare davanti a Genova però persistono ancora piccoli nuclei temporaleschi che, ha detto Giampedrone, "sono autorigeneranti e quindi possono portare disagi".

Ex poliziotto ucciso a colpi di pietra in strada
Il corpo, con il cranio fracassato, è stato trovato, da un cognato della vittima, poco prima di mezzanotte. Sapevano che doveva recarsi in campagna, dove possedeva un appezzamento di terreno coltivato a vigneto.

Bloccato da due giorni dal maltempo sulla Dent d'Herens, montagna gemella del Cervino, il famoso alpinista e guida alpina francese Patrick Gabarrou è stato tratto in salvo dal Soccorso alpino valdostano a 3.700 metri di quota.

Share