Ryanair: Codacons, la Procura di Bergamo apre un'inchiesta

Share

Intanto i piloti Ryanair respingono la proposta del bonus da 12mila euro chiedendo all'azienda di accettare le loro richieste entro venerdì mattina. Ryanair avviserà direttamente i passeggeri il cui volo è stato annullato con una email inviata all'indirizzo utilizzato per prenotare quello stesso volo (che va quindi tenuta d'occhio).

Intanto l'Enac ha appena ricevuto da Ryanair la comunicazione sull'impossibilità del vettore a partecipare alla riunione convocata dall'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile, a "causa degli impegni correlati alla gestione delle recenti cancellazioni e alla tutela dei diritti dei passeggeri".

Serena Grandi fa outing per il figlio nella casa del GF Vip
I VIP rinchiusi in Stazione , invece, hanno fatto delle nomination palesi, guardandosi negli occhi. Riascoltai tutta la canzone e c'era anche una dedica: 'Grazie assai a G.S.'.

Anche l'Autorità Antitrust ha aperto oggi un procedimento istruttorio nei confronti del vettore aereo irlandese Ryanair per presunte pratiche commerciali scorrette in violazione del codice del consumo.

Continuano i disservizi di Ryanair, che nei giorni scorsi aveva annunciato la cancellazione di circa 40 voli al giorno per le prossime 6 settimane. Andranno comunque conservate tutte le ricevute delle spese effettuate a causa della cancellazione del proprio volo: potranno essere rimborsati pasti e bevande consumate in proporzione alla durata dell'attesa, la sistemazione in albergo se fossero necessari uno o più pernottamenti o un soggiorno più lungo di quello originariamente previsto dal passeggero, il trasporto dall'aeroporto al luogo di sistemazione (albergo o altro) e viceversa. La compagnia aerea è arrivata a sfiorare una perdita del 5% sulla piazza di Londra, per poi riprendersi lievemente e al momento si aggira su una flessione del 2,5%. La compagnia irlandese ha giustificato la decisione con la necessità di migliorare la puntualità dei voli, punta di diamante della compagnia, scesa dal 90% a meno dell'80% a causa del periodo di ferie dei piloti. Carlo Rienzi presidente dell'associazione difesa consumatori sostiene che, se ai passeggeri non saranno riconosciuti i risarcimenti per i danni subiti, oltre ai rimborsi dei biglietti, si procederà per il reato di tuffa.

Share