Suburra - la serie debutta alla Mostra del Cinema di Venezia

Share

Il 2 settembre 2017 saranno presentati alla Mostra del Cinema di Venezia i primi due episodi della nuova serie tv distribuita da Netflix Suburra.

La trama affonda le proprie radici nell'omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini. La serie però è prequel del romanzo, dato che è ambientata circa una decina di anni prima dei fatti narrati nel libro. Racconta la Roma di oggi, e non è un caso che sia così scuro, notturno, tagliente. E se da Netflix poteva arrivare la richiesta di una Roma a tinte forti per conquistare il pubblico mondiale (Gina Gardini è artistic producer e non ha mollato un attimo la supervisione), sta alla sceneggiatura, alla messa in scena e al cast non sbandare negli stereotipi.

Alessandro Borghi sarà il "re" mentre decadenza e compromesso continueranno a fare da sfondo come potere e malaffare, violenza e corruzione, in una serie che, sicuramente, non farà altro che consolidare un genere che sembra quasi etichettare il nuovo livello della serialità italiana e che dal 6 ottobre sarà disponibile in 190 Paesi.

Calciomercato Inter, i dettagli della clausola di Icardi
Mauro si è innamorato di una donna che era separata , separata anche dalle carte legali. Il ruolo di Luciano Spalletti .

Diretta da Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi e prodotta da Cattleya, la serie annovera nel cast Alessandro Borghi, Giacomo Ferrara ed Eduardo Valdarnini nei panni dei protagonisti, rispettivamente Numero 8, Spadino e Lele, mentre Claudia Gerini sarà Sara Monaschi, Filippo Nigro presterà il volto ad Amedeo Cinaglia, Francesco Acquaroli sarà Samurai ed Adamo Dionisi Manfredi Anacleti. Tra 15 mesi arriverà anche su Rai2, dopo un taglio delle scene più forti.

La canzone è contenuta nel disco "Nemici", ultimo album di Piotta, che così commenta: "È un brano a cui tengo moltissimo, in linea con la mia recente produzione, soprattutto per le tematiche".

Share