Terremoto di magnitudo 8,2 in Messico

Share

Un fortissimo terremoto di magnitudo 8.2 ha colpito la costa Sud del Messico. Quello che preoccupa in queste ore sono le "repliche", più che l'allerta tsunami, ormai rientrato. "E' stato un sisma molto lungo, tutti noi qui lo abbiamo sentito", ha aggiunto.

Il governatore dello Stato di Tabasco, Arturo Nunez, ha detto che uno dei bambini è morto in seguito al crollo di un muro, mentre l'altro è un neonato deceduto in ospedale in seguito al blackout: il neonato era collegato al respiratore automatico. Si ha notizia di almeno 15 morti: 10 persone hanno perso la vita nella zona dell'Istmo di Tehuantepec, a Oaxaca, tre persone sono morte in Chiapas, e due minori a Tabasco.

Oggi arriva Pallotta, domani con Totti torna in trasferta dopo un anno
Il futuro di Totti sarà seduto su una panchina? O almeno che Totti stia seriamente considerando la cosa. Può darsi che tra un pò abbia l'illuminazione di fare il " pompiere ".

A Città del Messico, il terremoto ha fatto sussultare l'Angelo dell'Indipendenza, storico monumento sul Paseo de la Reforma. È stata diramata ma è poi rientrata l'allerta tsunami sulle coste di Messico, Ecuador, Nicaragua, Panama, Guatemala, Honduras, El Salvador e Costa Rica. Le scuole resteranno chiuse per un controllo sulla stabilità dopo la violenta scossa. Tante le persone che, a Città del Messico, sono scese in strada, abbandonando le case, nonostante il buio. Come ha sottolineato il presidente, Enrique Pena Nieto, si tratta della scossa "più forte e di maggior magnitudo degli ultimi cento anni". La colonna è stata eretta nel 1910 ed era crollata durante il terremoto del 1957. Stanno facendo seguito numerose e forti scosse di assestamento, il Servicio Sismológico Nacional de México ha detto di averne già contate più di 60. In queste ore si sta cercando di salvare le persone rimaste intrappolate nel suddetto hotel. Profondità stimata in 72 chilometri, abbastanza da provocare effetti in superficie, come uno tsunami. Il sisma è stato avvertito anche nella Capitale, Città del Messico, a più di 450 miglia di distanza dall'epicentro, registrato sulla costa occidentale al confine con il Guatemala, a 165 chilometri da Tapachula, al largo delle coste dello stato meridionale del Chiapas. "Il meccanismo che ha generato questo terremoto, è dovuto principalmente alla placca oceanica che spinge sotto quella continentale americana".

Share