Trump: Se Pyongyang attacca saremo costretti a distruggerla

Share

Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un discorso all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Tensione ancora altissima tra Stati Uniti e Corea del Nord dopo i ripetuti test missilistici di Pyongyang: il regime di Kim Jong-un ha ribadito la volontà di trasformare la Corea del Nord in potenza nucleare.

I ministri degli Esteri cinese e russo, a loro volta, hanno lanciato un appello per una "soluzione pacifica" del "circolo vizioso" nordcoreano, a conclusione di un incontro a New York a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che ufficialmente inizia oggi. I terrorismi e gli estremismi si sono rafforzati, sono diffusi in ogni angolo del pianeta e sono sostenuti da diversi regimi.

Rooney, ubriaco alla guida: patente ritirata, arrivano le scuse del calciatore
Queste le parole dell'ex capitano dell'Inghilterra Wayne Rooney nel commentare la recente vicenda che lo ha visto coinvolto. L'attaccante inglese infatti è alle prese con una condanna giuridica.

Il presidente è giunto alla sede dell'Onu accompagnato dalla First Lady Melania Trump, con l'ambasciatrice Usa all'Onu Nikki Haley e il capo dello staff della Casa Bianca, John Kelly.

"Gli Stati Uniti sono impegnati a riformare l'Onu, nata su principi nobili ma con la burocrazia e la cattiva gestione che ne limitano il potenziale", ha sottolineato il presidente americano, per il quale poi "nessun Paese dovrebbe accollarsi un peso troppo grande", come quello degli Stati Uniti, per il funzionamento dell'organizzazione internazionale. "Gli Usa non vogliono imporre il loro stile di vita a nessuno" ha continuato ricordando come gli americano abbiano pagato "il prezzo più alto" per difendere la libertà, anche di altri Paesi. "Non possiamo rispettare un accordo se questo dà copertura all'eventuale costruzione di un programma nucleare", ha denunciato Trump, che ha definito l'accordo raggiunto due anni fa dai 5+1 con Teheran "una delle transazioni peggiori e unilaterali mai fatte dagli Stati Uniti". "Lavoreremo sempre con gli alleati ma non si potrà più approfittare di noi", ha detto il presidente americano parlando dal podio del Palazzo di Vetro. "Grande discorso alle 10:00 A.M.". "E non abbiamo combattuto perché volevamo un'espansione territoriale", ha rimarcato, "noi vogliamo amicizia e armonia, non conflitto e guerra". "Abbiamo fatto enormi progressi contro l'Isis in Iraq e Siria".

"Se ci attaccano non c'è altra scelta che distruggere la Corea del Nord": lo ha detto il presidente americano Donald Trump intervenendo all'Onu. Sconfiggeremo il terrorismo radicale islamico.

Share