Vaccini, oggi scade la certificazione per gli asili. Occhio alle multe

Share

Se il vaccino avesse un ruolo nel causare o nel promuovere l'autismo troveremmo tra i vaccinati una maggiore incidenza, cosa che non accade. Il decreto n. 73/2017 convertito in Legge 119/2017 ha reso obbligatoria la vaccinazione. Passata questa tornata si apre la finestra per la fascia 6 - 16 anni. Certo, se tra tre mesi cambia la legge e il divieto vale anche per le associazioni vedremo. Il documento da sottoscrivere si conclude con la precisazione che "i dati forniti saranno trattati dal personale scolastico, docente e non docente". Anche in questo caso ci sono cifre oggettive a smentire tale frase. "In Veneto - rileva l'assessore veneto alla sanità Luca Coletto - non è mai stata sospesa, ci tengo a precisare che sta proseguendo regolarmente in tutte le Ullss sulla base di un'organizzazione in grado di erogare tutte le prestazioni richieste". Inoltre, come ulteriore causa dell'affollamento ai punti vaccinazione delle Asl abruzzesi, c'è la mancata adesione, da parte dell'Ufficio scolastico regionale, al protocollo d'intesa proposto dalla regione nel giugno scorso. Per gli altri, ovvero i 61 mila bambini e ragazzi inadempienti contattati nei mesi scorsi dalle Asl, sarà sufficiente consegnare un'autocertificazione in cui si dichiara di aver richiesto le vaccinazioni obbligatorie, ma non ancora somministrate. "Per qualsiasi genitore che volesse mettersi in regola rispetto alla prenotazione della vaccinazione, abbiamo offerto tutti gli strumenti necessari", ribadisce poi Lorenzin.

- entro il 31 ottobre 2017 per tutti gli altri gradi di istruzione. Se si è prodotta l'autocertificazione la scadenza anche per loro è il 10 marzo 2018.

Da registrare, però, una presa di posizione del Comitato per la Libertà di scelta vaccinale C.Li.Va Toscano, che contesta una violazione della privacy nella trasmissione dei dati dalle Asl alle scuole.

Inter: Perisic "io alla Juve? Mai"
L'Inter contro Fiorentina , Roma e Spal ha messo a segno 8 reti subendone soltanto una, quella di Dzeko dai giallorossi. L'Inter , insieme alla Juventus , comanda la classifica a punteggio pieno dopo tre giornate di campionato.

Si tratta di due uniche punture gratuite: esavalente (antipolio, tetano, difterite, epatite B, pertosse, Emofilo) e tetravalente (parotite, rosolia, morbillo, varicella). Più consistente l'aumento della copertura anti morbillo-parotite-rosolia, salita dall'87,2% al 90,7%. La certificazione dovrà essere consegnata alla scuola dell'infanzia. Il medico potrà anche far fare al bambino le analisi del sangue per verificare gli anticorpi. Questo esonero lo può ottenere perchè è intervenuta l'immunizzazione per malattia naturale. Obbligatorio avere in mano il foglio con le vaccinazioni fatte o con l'autocertificazione che si è fissato il giorno per farle da completare entro il 10 marzo. In caso di violazione saranno previste multe da 100 a 500 euro e, nel caso delle scuole dell'infanzia, la non iscrizione.

Alcune regioni hanno messo in atto dei piani per semplificare i rilasci dei certificati.

Il Piemonte, ad esempio, si è organizzato per tempo, affidando alle Asl il compito di raccogliere i dati. "L'ultima epidemia di poliomielite in Europa si è verificata nel 1992 proprio in una comunità olandese che rifiuta le vaccinazioni, a riprova di quanto sia importante non abbassare la guardia".

Share