Allenamenti troppo duri, Conte traballa. E il Milan osserva

Share

Una situazione quest'ultima che chiama in causa anche la relazione non più così idilliaca tra Conte e i calciatori, come ha confermato anche il "vaffa" riservatogli da David Luiz al momento del discusso cambio di mercoledì. A pochi mesi dal successo in Premier League, il tecnico italiano sembra non riuscire più a trasmettere la sua voglia di vincere alla squadra che, infatti, sta zoppicando (secondo peggior avvio nell'era Abramovich).

Secondo una indiscrezione riportata da The Sun, dopo il 3-3 in Champions League contro la Roma i i dirigenti del Chelsea si sono riuniti nella notte perché stufi delle scuse utilizzate dal manager italiano per giustificare questo periodo decisamente grigio.

"STELLE CADENTI " arrivano le Orionidi
Se il cielo sarà sgombro da ostacoli, l'osservazione sarà eccellente, a causa dell'assenza di luce lunare. E questa notte avranno il loro picco massimo di visibilità con circa 20 meterore l'ora.

La frecciata era rivolta anche ad Antonio Conte che, avvertito della frase del collega, ha replicato: "Se queste parole si riferiscono a me - ha detto il tecnico del Chelsea che deve fare a meno di Kanté, Drinkwater e Moses -, dico che prima deve pensare alla sua squadra, non alle altre".

Il prossimo match contro il Watford, rilanciato dalla vittoria in extremis con l'Arsenal, può dire molto sul futuro di Conte, che non ha mai fatto mistero della sua nostalgia per l'Italia e il desiderio di tornare ad allenare in Serie A. Una situazione che si intreccia con le vicende del Milan, che si sta interrogando seriamente sulla posizione di Montella dopo il ko nel derby e l'abulico pareggio contro l'Aek Atene. Con Conte all'orizzonte, la panchina di Montella si fa più traballante. Matrimonio rossonero in vista?

Share